Let’s Move For a Better World 2019: numeri da record

Let's Move for a Better World
Autore: 
Redazione
Venerdì, Maggio 10, 2019
La 6^ edizione della campagna sociale promossa da Technogym per contrastare obesità e sedentarietà e promuovere la cultura e la pratica del wellness su scala mondiale ha coinvolto e connesso 200.000 persone in tutto il mondo che hanno donato il proprio esercizio fisico per una buona causa.

La sesta edizione di ‘Let’s Move for a Better World’, la grande campagna sociale promossa da Technogym per contrastare obesità e sedentarietà e promuovere la cultura e la pratica del wellness su scala mondiale, si è svolta dall'11 al 30 marzo scorsi. Ha coinvolto 1.373 centri fitness in 32 paesi grazie ai quali sono stati quasi 200.000 i partecipanti che, tramite Technogym ecosystem e Mywelness, hanno misurato il loro esercizio svolto raccogliendo MOVEs (l’unità di misura di Technogym per misurare il movimento). Complessivamente, sono stati accumulati 766 milioni di MOVEs, corrispondenti a più di 345 milioni di calorie bruciate e circa 49.306 chili persi. E quest’anno un maggior numero di club ha potuto vincere, in base ai MOVEs accumulati, un prodotto Technogym da donare a un’associazione no-profit a loro scelta.

Share

LEGGI ANCHE

Yoga, terme, massaggi e natura.

Bambina fa yoga

In alcune scuole primarie di Bologna è stato introdotto, a partire dall’anno scolastico appena conclusosi, lo yoga.

“Svegliati presto e, invece di iniziare la giornata in palestra, cominciala in discoteca”. Sembra un paradosso, e invece è l’ultimo, popolarissimo trend del fitness: il Daybreaker, che trasforma la sala da ballo in un luogo di salute e benessere.

Un recente studio dell'Università di Harvard condotto dalla professoressa Amy Cuddy ha individuato una nuova patologia legata all'uso e all'abuso del telefono cellulare.

Nel cervello adulto dei mammiferi esistono aree in cui si originano nuovi neuroni a partire da cellule staminali neurali. Una di queste è denominata zona sottoventricolare (Svz) e rappresenta la principale fonte di nuovi neuroni del cervello dei topi adulti.

Vedere atleti che sfidano ogni limite e riscrivono qualsiasi record, cimentandosi in gare destinate a passare alla storia e in prodezze capaci di incantare il mondo intero, è la norma oggi, nella società ipercomunicativa 4.0 dove tutto sembra essere esasperato, elevato e poi diffuso ai massimi li