Let’s Move For a Better World 2019: numeri da record

Let's Move for a Better World
Autore: 
Redazione
Venerdì, Maggio 10, 2019
La 6^ edizione della campagna sociale promossa da Technogym per contrastare obesità e sedentarietà e promuovere la cultura e la pratica del wellness su scala mondiale ha coinvolto e connesso 200.000 persone in tutto il mondo che hanno donato il proprio esercizio fisico per una buona causa.

La sesta edizione di ‘Let’s Move for a Better World’, la grande campagna sociale promossa da Technogym per contrastare obesità e sedentarietà e promuovere la cultura e la pratica del wellness su scala mondiale, si è svolta dall'11 al 30 marzo scorsi. Ha coinvolto 1.373 centri fitness in 32 paesi grazie ai quali sono stati quasi 200.000 i partecipanti che, tramite Technogym ecosystem e Mywelness, hanno misurato il loro esercizio svolto raccogliendo MOVEs (l’unità di misura di Technogym per misurare il movimento). Complessivamente, sono stati accumulati 766 milioni di MOVEs, corrispondenti a più di 345 milioni di calorie bruciate e circa 49.306 chili persi. E quest’anno un maggior numero di club ha potuto vincere, in base ai MOVEs accumulati, un prodotto Technogym da donare a un’associazione no-profit a loro scelta.

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’