Lo sport in Italia

Lo sport in Italia big
I dati sulla pratica dello sport in Italia nel Libro Bianco per lo Sport redatto dal CONI Emilia Romagna

di davide venturi

Sono circa 17 milioni gli italiani, dai tre anni in su, che dichiarano di praticare uno o più sport. Di questi, il 21,5% pratica con continuità e il 9,60% solo saltuariamente. 16 milioni sono invece le persone che, pur non praticando uno sport specifico, svolgono una qualche forma di attività fisica. Ma i sedentari, circa 23 milioni, continuano a essere troppi.

Con questi dati, emersi da un’indagine condotta dall’ISTAT nel 2010, si apre il Libro Bianco per lo Sport in Emilia Romagna, un testo importante, redatto dal CONI Emilia Romagna in collaborazione con Studio Ghiretti, che intende offrire un quadro esaustivo sulla realtà sportiva a livello regionale e nazionale.

La pratica sportiva, il ruolo delle Associazioni e delle Federazioni sportive, l’importanza assunta dagli investimenti privati e dal project financing, le strategie attualmente in atto per incentivare gli itaiani a fare sport e per valorizzazione gli impianti sportivi, sono alcuni dei temi trattati dal volume. Con oarticolare riguardo agli impianti sportivi, il Libro Bianco fotografa una situazione sostanzialmente buona in Emilia-Romagna, con un numero di impianti superiori alla media nazionale (6.273, e11.325 gli spazi elementari di attività).

Con riferimento al valore economico dello sport in Europa, il Libro Bianco cita uno studio presentato nel 2005 (già nel Libro Bianco UE), che stima in 407 miliardi di euro il valore economico complessivo generato dallo sport e dalle attività ad esso connesse in Europa. Mentre in Italia, stando alla stima, attendibile, effettuata dal Sole 24 Ore nel 2010) il fatturato annuo del sistema sport si aggirebbe intorno ai 50 miliardi di euro.

Per quanto riguarda invece le Federazioni e Discipline Sportive Associate, i dati ufficiali diffusi dal CONI nel 2008 parlano di 926.000 operatori e 4.186.752 atleti. Per ulteriori approfondimenti, si visiti il canale Sport & Fitness del sito www.sportindustry.com, in cui questa notgizia offre collegamenti a interviste e videointerviste al Presidente del CONI Emilia Romagna e a Roberto Ghiretti.

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’