Lotta all'evasione fiscale, il nuovo redditometro considera anche il fitness

Lotta all'evasione fiscale, il nuovo redditometro considera anche il fitness big
Il nuovo redditometro entrerà in vigore entro fine ottobre e prenderà in considerazione anche l'iscrizione in palestra

La lotta all’evasione fiscale è sempre più senza quartiere: il nuovo redditometro farà di tutto per scovare gli evasori, confrontando il reddito dichiarato con le spese sostenute dal contribuente. Le voci “spia” prese in esame saranno circa un centinaio e vanno dai beni di lusso al compenso della colf,  dall’abbonamento a un centro fitness – voce a dir poco discutibile – alla retta dell’asilo o dell’università dei figli alle spese veterinarie.

Gli indicatori saranno suddivisi in sette macrocategorie che disegnano la capacità di spesa del contribuente, e quindi stimano il suo reddito presunto. Se quest’ultimo dovesse risultare eccessivamente al di sotto di quello dichiarato, il Fisco potrà far scattare i controlli.
«Le attività di monitoraggio del redditometro – ha spiegato il direttore dell’Agenzia delle Entrate Attilio Befero – utilizzerà due metodi: una selezione preventiva e operazioni di controllo. Inoltre, il calcolo sarà condizionato da due coefficienti: quello geografico e quello legato al nucleo familiare. Nel primo caso – ha precisato Befero – un acquisto ingente effettuato in una regione a reddito medio-basso verrà valutato diversamente da quello effettuato in una regione più ricca. Nel secondo caso, sarà determinante il numero dei membri che costituiscono il nucleo familiare».

Il varo del nuovo redditometro, inizialmente previsto per giugno di quest’anno, è stato rinviato a ottobre per alcuni problemi tecnici. L’Agenzia delle Entrate ha già pensato a un simulatore del redditometro grazie al quale chiunque desideri scoprire se rientra o meno nei parametri fissati dal Fisco non deve fare altro che inserire le proprie spese e il proprio reddito.

 

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.