MpS: il coupon per provare il farmaco esercizio fisico

MpS: il coupon per provare il farmaco esercizio fisico big
Il progetto "Movimento per la Salute" fa un nuovo passo avanti introducendo il coupon che il medico rilascia agli assistiti affinché provino gratuitamente il "farmaco" esercizio fisico in un club accreditato

Movimento per la Salute – sinteticamente MpS – fa un nuovo passo in avanti con l’introduzione di un coupon, valido per una prova gratuita, che il medico consegnerà al suo assistito esclusivamente insieme alla prescrizione medica, in un’unica soluzione. Il paziente potrà così scegliere di svolgere la dose suggerita di esercizio fisico in uno dei centri sportivi MpS, in modo controllato e sicuro. L’idea nasce dalla volontà di avvicinare il paziente al nuovo farmaco “esercizio fisico”, riservandogli un “invito” a provare il protocollo d’allenamento suggerito, ovvero a svolgere la “terapia” prescritta in un centro del network.

Attualmente è previsto l’invio di 50 coupon allo studio di ogni medico che potrà stampare la prescrizione sul retro del coupon stesso ed effettuare il controllo dello stato di salute del paziente, indispensabile per accedere al club e svolgere l’attività raccomandata. Inoltre, lo scorso 10 settembre Massimo Cicognani, amministratore delegato di MpS, ha inaugurato la partenza del progetto a Lucca, presso Ego Wellness, primo centro fitness/sportivo della zona a utilizzare i protocolli di esercizio fisico MpS dopo aver seguito l’iter formativo proposto da un team di medici accreditati.

www.movimentoperlasalute.it

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.