Musica pirata: importante operazione della Guardia di Finanza a Novara

Musica pirata: importante operazione della Guardia di Finanza a Novara big
Le Fiamme Gialle hanno recentemente individuato 126 esercizi, tra i quali figurano centri fitness, che, tramite un provider pirata, diffondevano abusivamente musica tutelata dal diritto d’autore, reato per il quale sono previste pesanti ammende pecuniarie e pene accessorie

La Guardia di Finanza di Novara ha recentemente portato a termine l’operazione denominata “Music in Black” che ha consentito di individuare 126 esercizi – tra i quali figurano centri commerciali, negozi, farmacie e centri fitness – che diffondevano abusivamente musica tutelata dal diritto d’autore. Gli oltre 100 indagati dalla Procura della Repubblica di Novara – nell'ambito di una più ampia operazione che ha interessato tutto il territorio nazionale – rischiano l’accusa di violazione dell’art. 171 della Legge 633/1941 che prevede fino a un anno di reclusione.

Le sanzioni amministrative conseguenti all’applicazione dell’art. 174 bis, per alcuni degli esercizi individuati, arriveranno a superare i 30mila euro. 
Le Fiamme Gialle hanno scoperto un network “pirata” che consentiva alla propria clientela, protetta dall’anonimato, di diffondere musica tutelata da diritti d’autore senza pagare le licenze alla SIAE e alla SCF.

I militari hanno ricordato che per poter diffondere nel proprio esercizio commerciale brani musicali tutelati, qualunque sia la sorgente utilizzata, occorre acquisire una specifica licenza concessa dalla Siae e dalla Società Consortile Fonografici nel caso s’intenda utilizzare i brani tutelati da quest’ultima. «Per le superfici commerciali più grandi – hanno spiegato i vertici della Guardia di Finanza di Novara – la regolare licenza per diffondere in pubblico un sottofondo musicale di qualità può costare anche diverse migliaia di euro all’anno».

I militari della Guardia di Finanza hanno sequestrato gli elaboratori presenti presso gli esercizi commerciali oggetto delle indagini, riuscendo così a ricostruire con esattezza il numero e la tipologia di contenuti musicali diffusi all’interno dei singoli esercizi commerciali. Il provider pirata novarese ha commesso reati connessi alla violazione dei diritti d’autore per la quale è prevista l’applicazione di una sanzione pecuniaria che può superare i 700.000 euro e di pesanti sanzioni accessorie tra le quali rientrano, solo per citarne alcune, l’interdizione dall’esercizio dell’attività, la sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dell’illecito, nonché  il divieto di pubblicizzare beni e servizi fino a un anno.  

Share

LEGGI ANCHE

Logo Dipartimento per lo Sport

Gli esperti del Ministro per lo Sport e i Giovani e del

Medico e tecnologia digitale

Che la ripresa economica dipenda anche dalla salute

Stralcio locandina Giornata Nazionale del Movimento per la Salute 2024

La seconda edizione della Giornata Nazionale del Movimento per la Salute, istituita ufficialmente a genn

L’edizione 2024 dell’IHRSA Convention & Trade Show s

Stralcio locandina A Tutta Salute

Il club Eden Sport e Salute, da oltre 20 anni un punto d

Casa Bianca