One 10, la nuova boutique londinese dell'indoor cycling

Lezione indoor cycling
Autore: 
Redazione
Martedì, Settembre 5, 2017
Il mercato dei piccoli studi specializzati continua a proporre novità e Londra si conferma capitale europea dell'evoluzione del fitness.

Un nuovo marchio di boutique del fitness, dedicato all'indoor cycling, ha recentemente fatto il suo debutto a Londra. Si tratta dello studio One 10, creato da Tim Benjamin, ex quattrocentometrista olimpico e fondatore del franchising The Fitness Space. Il nome si riferisce a quello che nell'indoor cycling viene considerato il numero ottimale di RPM (pedalate al minuto), ovvero 110.

Il neonato club, che occupa una superficie di 465 metri quadrati, propone due tipologie di lezioni: Paceline, ad alta intensità e svolta con l'ausilio di un sistema digitale per il monitoraggio della prestazione di ogni singolo partecipante, e Nirvana, basata sull'esperienza emozionale che trasforma la lezione in una festa.

Ogni seduta d'allenamento - alla quale sono ammessi un massimo di 30 partecipanti che pagano 20 sterline, poco più di 22 euro - è svolta con sottofondi musicali attentamente selezionati per rendere la lezione altamente divertente e motivante.

 

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’