Orangetheory Fitness a quota 500 club

Allenamento Orangetheory
Autore: 
Redazione
Lunedì, Ottobre 31, 2016
Il franchising statunitense, che propone un interval training di 60 minuti con monitoraggio della frequenza cardiaca, ha aperto il suo cinquecentesimo studio a Seattle e annuncia altre 200 aperture nel 2017

Il franchising statunitense Orangetheory Fitness ha recentemente inaugurato il suo cinquecentesimo studio a Seattle. Un sorprendente traguardo frutto dell’esplosivo programma di espansione che nel 2016, come riporta la rivista Health Club Management, ha fatto registrare un incremento del 69 per cento delle nuove aperture rispetto all’anno precedente.

Il lancio del primo studio, in Florida, risale al marzo del 2010 e in meno di sette anni questa intraprendente realtà è diventata uno dei maggiori franchise al mondo, presente in sette paesi, ovvero Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Australia, Messico, Repubblica Domenicana e Colombia.

I piani aziendali – si legge nel magazine britannico – prevedono inoltre un ulteriore rafforzamento della notorietà e dell’immagine del marchio, anche tramite l’adozione di un testimonial molto popolare come Erin Andrews, giornalista sportiva dell’emittente televisiva Fox e ospite della trasmissione “Ballando con le Stelle”. Darà il suo contributo al lancio della campagna marketing 2017 intitolata “Non c’è un dopo” il cui obiettivo è svelare la base scientifica degli allenamenti proposti, grazie alla quale i soci Orangetheory Fitness migliorano costantemente.

Il piano di sviluppo prevede il raggiungimento, entro il 2017, di quota 700 club nei quali continuerà a essere proposto il concept incentrato su un interval training di 60 minuti che, grazie al monitoraggio della frequenza cardiaca, prevede 5 specifiche zone d’intensità cardio-respiratoria per assicurare il raggiungimento dei risultati desiderati in tempi contenuti.

 

 




 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’