Orangetheory Fitness a quota 500 club

Allenamento Orangetheory
Autore: 
Redazione
Lunedì, Ottobre 31, 2016
Il franchising statunitense, che propone un interval training di 60 minuti con monitoraggio della frequenza cardiaca, ha aperto il suo cinquecentesimo studio a Seattle e annuncia altre 200 aperture nel 2017

Il franchising statunitense Orangetheory Fitness ha recentemente inaugurato il suo cinquecentesimo studio a Seattle. Un sorprendente traguardo frutto dell’esplosivo programma di espansione che nel 2016, come riporta la rivista Health Club Management, ha fatto registrare un incremento del 69 per cento delle nuove aperture rispetto all’anno precedente.

Il lancio del primo studio, in Florida, risale al marzo del 2010 e in meno di sette anni questa intraprendente realtà è diventata uno dei maggiori franchise al mondo, presente in sette paesi, ovvero Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Australia, Messico, Repubblica Domenicana e Colombia.

I piani aziendali – si legge nel magazine britannico – prevedono inoltre un ulteriore rafforzamento della notorietà e dell’immagine del marchio, anche tramite l’adozione di un testimonial molto popolare come Erin Andrews, giornalista sportiva dell’emittente televisiva Fox e ospite della trasmissione “Ballando con le Stelle”. Darà il suo contributo al lancio della campagna marketing 2017 intitolata “Non c’è un dopo” il cui obiettivo è svelare la base scientifica degli allenamenti proposti, grazie alla quale i soci Orangetheory Fitness migliorano costantemente.

Il piano di sviluppo prevede il raggiungimento, entro il 2017, di quota 700 club nei quali continuerà a essere proposto il concept incentrato su un interval training di 60 minuti che, grazie al monitoraggio della frequenza cardiaca, prevede 5 specifiche zone d’intensità cardio-respiratoria per assicurare il raggiungimento dei risultati desiderati in tempi contenuti.

 

 




 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Fitness outdoor

Nel biennio 2022-23, gli adulti “fisicamente attivi” in Italia tra i 18 e i 69 anni sono risultati essere il 48% (poco meno di uno su due), i “parzialmente attivi” il 24%, e i “sedentari” il 28%.

Sagoma ragazza che fa yoga

Un recente sondaggio condotto dai Centers for Disease Control and Prevention svela che negli

Group fitness in un club PureGym

PureGym

Logo Sport Civico

Sport Civico”, progetto nazionale Uisp sostenuto dal Dipartimento per lo Sport<

Yoga in spiaggia

Proclamata dall’ONU con una risoluzione del dicembre 2014, la giornata mondiale dello yoga si celebra come sempre il 21 giugno per promuo

Guido Martinelli

La Fondazione Sport City ha presentato la prima edizione