Più corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro
Autore: 
A cura della Redazione
Mercoledì, Dicembre 16, 2020
Un’indagine condotta da Sportclubby, l’app più scaricata in Italia per prenotare corsi, racconta come sono cambiati i gusti e le aspettative degli sportivi e quali saranno le nuove tendenze del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica. Nel 2021, questo si tradurrà in una tendenza: la crescita, cioè, di un nuovo mercato ibrido, che affiancherà all’offerta in presenza il fitness online e outdoor, con i club che diverranno piattaforme reali e virtuali dedicate allo sport e al benessere. A raccontarlo è un’indagine su 630 italiani effettuata da Sportclubby, la principale piattaforma in Italia per prenotare corsi online o in palestra e servizi dedicati ad ogni tipo di sport, usata da 500 mila utenti e oltre 700 centri in Italia. Se prima del Covid il 70% degli sportivi frequentava regolarmente il proprio club di riferimento 3 o più volte la settimana, il 63% è stato costretto a ridurre la propria frequenza di allenamento per via delle restrizioni, con un impatto maggiore tra gli over 55 (73%). Tuttavia, il 70% di coloro che frequentano una centro afferma di voler tornare ad allenarsi in presenza, il 16% dice che potrebbe affiancare ai corsi in sede anche attività online, il 3% ha in previsione di allenarsi soprattutto in livestreaming e l’1% opterà per lezioni in streaming on demand. Infine, c’è un 3% di sportivi che sceglierà di allenarsi all’aperto in autonomia, senza vincoli con club o trainer, e il 7% che propenderà per questa soluzione con il supporto del proprio centro o istruttore di fiducia.

I corsi online, dunque, consentirebbero ai club di espandere il proprio mercato ben oltre i confini metropolitani: 1 italiano su 3 dichiara infatti che nel 2021 si allenerebbe online anche con palestre o trainer fuori dalla propria area territoriale. Una tendenza, questa, che molti club e centri fitness hanno già captato, tanto che nel post Covid il 18% integrerà in modo permanente corsi online e corsi in presenza, 15% proporrà anche corsi outdoor e il 41% includerà nel proprio ‘palinsesto’ entrambe le soluzioni. Solo il 26% afferma che non inserirà né il digitale, né l’outdoor nei propri palinsesti. Del resto, se il 31% delle attività del settore nel 2020 ha più che dimezzato il proprio fatturato, ampliare la propria offerta con corsi online online e outdoor, ad esempio al parco, ha giovato al 15% dei centri, tanto da consentire di stabilizzare o addirittura incrementare i ricavi o comunque di mantenere la flessione entro il 20%.

 

 

Un nuovo ritmo

Oltre allo spazio, anche il tempo del fitness è cambiato. Lo smart work fa ormai parte della normalità – potrebbe essere addirittura un’evoluzione permanente – e il lavoro da casa ha modificato anche la quotidianità delle persone. Tanto che il 36% degli sportivi afferma che si allenerà anche in orari non di punta, il che potrebbe portare a una maggiore offerta online, magari più diluita rispetto alle vecchie code che si creavano, pre-Covid, ad esempio tra le 18 e le 20, tra i tapis roulant e le bike. Inoltre, il digitale ci ha abituati ad avere corsi e trainer sempre a portata di mano, cosa che anche in futuro i clienti di un club o di un centro si aspetteranno. In pratica, insomma, la tecnologia impiegata per un’offerta su misura, orari più flessibili o promozioni personalizzate (62%). Meglio ancora se la piattaforma sarà multiservizio: il 44% infatti vorrebbe affiancare all’abbonamento del club altre opzioni sempre correlate alla salute e al benessere, come visite mediche, nutrizionista, fisioterapia e così via, il 21% si aspetta poi per il prossimo anno anche un’offerta integrata di strumenti per agevolare la pratica sportiva (pagamenti digitali, assicurazioni sportive, servizi di trasporto casa-palestra per ragazzi, welfare aziendale). Il 18% vorrebbe poi che il club mantenesse il rapporto con la community di sportivi nata quest’anno tramite social e app venga coltivato anche in futuro, per ricevere aggiornamenti costanti e stimoli.

 

 

Gli alleati della sedentarietà

Se il 52% degli sportivi ha continuato ad allenarsi online durante i lockdown, il 48% non ha trovato sul web l’alleato che sperava a causa di alcuni ostacoli, in primis la mancanza di spazi adeguati in casa (36%) o l’impossibilità di praticare la propria disciplina a distanza (32%). Per il 24%, poi, la convivenza h24 con animali e familiari – causa di interruzioni – è stata abbastanza demotivante da indurli ad abbandonare l’impresa ma in questo caso è possibile che la riapertura delle scuole e la ripresa graduale della quotidianità consenta di riprendere le routine di allenamento. Stesso discorso per chi ha rinunciato ad allenarsi online per non dover rimanere ancora dinnanzi a uno schermo, dopo una giornata in smart work (20%). Altri, poi, non avevano gli strumenti per allenarsi via web (14%) e il 10% non ha trovato corsi adatti alle proprie capacità o ai propri gusti, dato che club e centri dovrebbero tenere presente come potenziale bacino a cui attingere nell’ampliare la propria offerta.

“Gli anni che ci attendono - spiega Stefano De Amici, Cpo e cofondatore di Sportclubby - offriranno una sfida stimolante per lo sport system italiano: da una parte, gli sportivi con nuove abitudini ed esigenze dettate dai consumi digitali; dall’altra, i club, che stanno imparando di fatto un nuovo mestiere, fra social e piattaforme. Attraverso la nostra tecnologia stiamo aiutando centinaia di gestori ad applicare una mentalità digitale ad ogni aspetto della quotidianità in palestra, dalla gestione dei clienti e loro preferenze, fino ai pagamenti e promozioni della propria offerta sulla più vasta community di sportivi in Italia. La tecnologia dovrebbe semplificarci la vita, non complicarla e il nostro obiettivo è permettere a chi lavora nello sport di tornare a concentrarsi solo su quello che sa fare meglio”.

Share

LEGGI ANCHE

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in