Run Walk Run, correre non è mai stato così facile

Autore: 
Redazione
Mercoledì, Luglio 19, 2017
Ideata dall’ex maratoneta olimpico Jeff Galloway, la Run Walk Run si basa su sessioni di corsa alternate alla camminata. E i benefici sono assicurati.

Non è facile rimettersi in forma dopo un lungo – o magari lunghissimo – periodo di sedentarietà. Ancor più difficile, forse, è ritagliarsi qualche momento da dedicare all’attività fisica, presi come siamo da quelle lunghe giornate fatte di appuntamenti concatenati, che poco lasciano al relax e al benessere. Ed è forse questa la ragione per cui il metodo di allenamento Run Walk Run – letteralmnete corri, cammina, corri – è diventato così popolare a livello internazionale. Perché è accessibile a tutti, spezza un’attività fisica attuabile un po’ dovunque, in palestra come al parco, in piccoli intervalli perfettamente gestibili, e al contempo offre parecchi benefici a chi la pratica.

Già a livello di resistenza cardiovascolare e muscolare, infatti, correre, poi camminare un po’, e correre di nuovo, comporta un incremento tempra fisica, fatte le prime sessioni ci si sente più energici e più forti, e quel senso di benessere invoglia a proseguire, e ad effettuare sempre più intervalli run e walk.

 

 

Ma come funziona questa metodologia di allenamento? Ideata dall’ex maratoneta olimpico Jeff Galloway, la Run Walk Run si basa su sessioni di corsa alternate alla camminata: si corre per 5 minuti, poi si cammina per 2, e di nuovo via a correre per altri 5 minuti. Il tutto ripetuto per mezz’ora, finché, via via che si acquisisce resistenza, si può proseguire a oltranza, arrivando anche a un’ora, per un allenamento stimolante e divertente, che brucia i grassi in eccesso senza però risultare troppo faticoso.

Ottima anche per chi è già abituato a correre, la Run Walk Run è un efficace antistress e contribuisce, spiega la fisiologa Heather Gannoe, in un articolo pubblicato su Healthyway. com. “aiuta a sconfiggere quello stato mentale che ci tiene ancorati al divano: il timore, cioè, che sia tutto troppo faticoso, e che perciò sia impossibile farcela”. Magari, spiega Gannoe, “correre 30 minuti può sembrare molto a chi non è abituato, ma alternando la corsa alla camminata il battito cardiaco non sale troppo, e perciò lo sforzo è controllato. In più gli intervalli consentono di spezzare l’obiettivo finale in microtappe che ci eviteranno lo stress generato dal calcolare i minuti mancanti alla fine dell’esercizio”.

Aumentando di 5 minuti l’esercizio ogni due sessioni, “l’ideale sarebbe svolgerlo due o tre volte la settimana”, crescerà anche la resistenza. “E in un attimo vi scoprirete a correre uno, tre e poi cinque chilometri senza nemmeno accorgervene”.

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in