L'obesità fa male al cervello

Autore: 
A cura della Redazione
Mercoledì, Settembre 9, 2020
Uno studio condotto dalla Johns Hopkins University e dalla University of California spiega come l'obesità incida negativamente sul funzionamento del cervello: maggiore è il sovrappeso, minore è l’attività mentale e l’afflusso di sangue che irrora il cervello.

Corpore sano per una mens sana. A ribaltare Ia locuzione latina è uno studio condotto dalla Johns Hopkins University e la University of California, secondo cui i chili in eccesso incidono negativamente sul funzionamento del cervello: maggiore è il sovrappeso, minore è l’attività mentale e l’afflusso di sangue che irrora il cervello, il che potrebbe spiegare perché l'obesità è legata al rischio di Alzheimer.

La ricerca, pubblicata sul ‘Journal of Alzheimer's Disease’,ha coinvolto 17.721 persone di un’età compresa tra i 18 e i 94 anni, sottoposte a oltre 35mila scansioni cerebrali per misurare l’attività e il flusso sanguigno al cervello. Dallo studio e dall’analisi dei dati raccolti, i ricercatori hanno scoperto che, all’aumentare del peso corporeo, il flusso sanguigno al cervello si riduce, e così l’attività cerebrale, in particolar modo nelle aree critiche associate a memoria e apprendimento, come ippocampo e lobi parietali. Un campo, conclude lo studio, da approfondire, sia per interventi volti al benessere dell’individuo, sia per campagne di prevenzione legate all’Alzheimer.

Share

LEGGI ANCHE

Lezione di yoga in palestra

Agli effettui negativi della pandemia sulla salute fisica e sull’economia si sommano quelli sulla salute psicologica, minacciata dalla costante paura del contagio e delle difficoltà create dall’emergenza e dall’incertezza diffusa dalla grave cris

Locandina  ELAV Sport Science Day

L’edizione primaverile dello storico evento ELAV Sport Science Day si terrà il prossimo 15 maggio in versione digitale, in diretta online tramite piattaforma Zoom e la partecipazione sarà gratuita

Gold’s Gym Campus Europe

Dopo aver rilevato Gold’s Gym circa un anno fa, RSG Group, proprietario del gigante McFIT e di altri 15 marchi, sta riportando questo storico e celebre marchio del fitness, nato a Venice Beach nel 1965, alle sue origini, rivolgendosi anche agli a

Outdoor training

L’esercizio fisico svolto all’aperto, universalmente noto come outdoor training, è una tendenza in costante crescita e l’emergenza pandemia ne ha accelerato lo sviluppo, favorendo la nascita di nuove opportunità di business.

Giampaolo Duregon

Come ogni 4 anni, lo scorso 15 aprile si sono svolte le

Diretta web McFIT, Virgin Active, Fit Express, Orange Palestre

In occasione della Giornata Mondiale della Salute, celebrata lo scorso 7 aprile, le catene McFIT, Virgin Active, Fit Express e Orange Palestre (membri di Fit.Comm