Sicilia: laurea obbligatoria per istruttori di fitness club e centri sportivi

Sicilia: laurea obbligatoria per istruttori di fitness club e centri sportivi big
L'Assemblea Regionale Siciliana ha approvato, lo scorso dicembre, il disegno di legge sulle professioni motorie che, per la prima volta in Sicilia, inquadra la figura dei laureati in Scienze motorie, direttamente e obbligatoriamente, all'interno delle strutture in cui si pratica esercizio fisico e sport

L’Assemblea Regionale Siciliana, sinteticamente Ars, ha recentemente approvato, con 51 voti a favore, il disegno di legge sulle professioni motorie, firmato da Trizzino (Movimento 5 Stelle) e Panepinto (PD). La norma, per la prima volta in Sicilia, inquadra la figura di coloro che hanno conseguito la laurea in Scienze motorie, direttamente e obbligatoriamente, all'interno delle strutture in cui si pratica esercizio fisico e sport.

«Il testo – ha detto Giampiero Trizzino, presidente della IV commissione legislativa ambiente e territorio dell’Ars – finalmente valorizza le conoscenze e le competenze acquisite dagli studenti universitari, immettendoli direttamente nel mondo del lavoro».

Si tratta della prima legge votata dal parlamento siciliano senza il commissario dello Stato: «Una bella responsabilità che siamo pronti ad assumerci – hanno detto i deputati del Movimento 5 Stelle all'Ars – per una legge tanto attesa dai giovani siciliani».

La legge regionale – la cui pagina Facebook appositamente creata conta già tremila iscritti – verrà presentata in collaborazione con le Università di Palermo, Enna, Messina e Catania nell’ambito di un evento al quale parteciperà anche Trizzino e figure istituzionali del mondo accademico e sportivo. La norma affida i necessari controlli ai Comuni e concede agli impianti interessati un certo margine di tempo per adeguarsi alle nuove disposizioni.

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.