Sono tornate le Pillole di Movimento

Pillole di Movimento UISP
Autore: 
Redazione
Martedì, Marzo 1, 2016
Dal 17 febbraio al 31 marzo alcune palestre e piscine di Bologna e provincia si animeranno con l’iniziativa “Pillole in Movimento”, ideata per promuovere la salute contrastando l’inattività fisica.

Anche quest’anno ha preso il via il progetto di promozione della salute noto con il nome di Pillole di Movimento. L’iniziativa nasce da una collaborazione tra Uisp, Azienda Usl di Bologna, Comune di Bologna, Resto del Carlino e Farmacie Comunali Lloyds e Federfarma ed è al suo sesto anno di realizzazione.

Dal 17 febbraio 2016, presso le Farmacie Comunali del gruppo Admenta Lloyds e Federfarma di Bologna e provincia sono a disposizione 22.000 scatole di Pillole di Movimento, che potranno essere utilizzate fino al 31 marzo 2016.

Queste particolari scatole contengono alcuni suggerimenti per mantenersi in salute e 3 buoni per svolgere gratuitamente un mese di attività presso una delle società che partecipano al progetto. La scelta è molto ampia ed è rivolta a tutti: cardiofitness, ginnastiche dolci e pilates, balli e attività in acqua.

Le Pillole di Movimento sono costituite da un bugiardino, una vera e propria informativa medico-scientifica, che illustra i benefici apportati dal movimento, realizzata dall’Azienda Sanitaria, un elenco delle società che aderiscono al progetto, con le relative attività motorie messe a disposizione presso ciascuna struttura, e, infine, un coupon da consegnare nella palestra o nella piscina prescelta per poter frequentare, gratuitamente, un corso per un mese (fino a esaurimento dei posti disponibili).

Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare il sito della Uisp dove potrete trovare tutti gli approfondimenti necessari per cominciare il vostro progetto di salute in movimento.

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in