Tecnologia e futuro del fitness

Smartphone in palestra
Autore: 
Redazione
Venerdì, Giugno 26, 2020
Il recente sondaggio condotto da Urban Sports Club, l’applicazione che dà accesso a più di 8.000 fitness club in 9 paesi europei, fa luce sul ruolo della tecnologia nell’attuale routine degli utenti italiani dei centri fitness e sul contributo che potrebbe dare all’evoluzione del business.

Urban Sports Club, l’applicazione che dà accesso a più di 8.000 fitness club ubicati in nove paesi europei, tra i quali l’Italia, a circa un mese dalla riapertura post lockdown ha condotto un sondaggio per far luce sul ruolo della tecnologia nell’attuale routine degli utenti italiani dei centri fitness e sul contributo che potrebbe dare all’evoluzione del business, migliorando sia l’esperienza dell’utente sia l’offerta dei club. L’indagine ha posto interrogativi precisi per mettere a fuoco le abitudini e i desiderata degli utenti del fitness.

Tendenzialmente “smart” e tecnologici, il 59% del campione sondato ha confermato di allenarsi impiegando una o più applicazioni, e le preferenze sono piuttosto nette: le più gettonate sono quelle che consentono di monitorare l’attività svolta e i progressi fisici via via compiuti (37%), seguite da YouTube (32%) e da quelle in grado di creare schede d’allenamento (21%).

La tecnologia si sta diffondendo anche nei centri fitness: il 16% del campione utilizza l’app del proprio club, il 14% applicazioni che consentono di accedere a molteplici fitness club e centri sportivi. Il 23% si allena utilizzando fitness tracker indossabili, i cosiddetti wearable, il 20% impiega dispositivi GPS.

Durante il lockdown, la tecnologia si è dimostrata essenziale per continuare ad allenarsi in ambito domestico: il 40% del campione lo ha fatto seguendo i corsi online proposti dai centri fitness. In seguito alla riapertura, il 24% ha dichiarato di voler ritornare quanto prima nel proprio club, mentre il 51% ha fatto sapere di aver apprezzato molto, durante la quarantena, le lezioni in streaming proposte dai propri esperti di fiducia e il 35% desidera, per il momento, proseguire con questa modalità. A optare per il mix che combina attività tradizionale e attività online è il 16%.

Allargando la visuale, il 57% del campione ritiene che la tecnologia avrà un peso sempre maggiore anche nell’ambito del fitness e dello sport per quanto in primo luogo per quanto concerne il miglioramento dell’esperienza vissuta dagli utenti e dei servizi erogati dai club. Il 48% desidera che in un futuro prossimo la tecnologia favorisca l’accesso a molteplici strutture, sia in città sia in club diversi, il 47% che la pratica di differenti discipline sia possibile tramite un unico abbonamento. Il 40% ha detto che il processo di prenotazione delle lezioni da remoto semplificherebbe la propria agenda, mentre il 35% apprezzerebbe molto formule che rendono più flessibile la gestione degli abbonamenti.

 

Share

LEGGI ANCHE

Logo Sport Civico

Sport Civico”, progetto nazionale Uisp sostenuto dal Dipartimento per lo Sport<

Yoga in spiaggia

Proclamata dall’ONU con una risoluzione del dicembre 2014, la giornata mondiale dello yoga si celebra come sempre il 21 giugno per promuo

Guido Martinelli

La Fondazione Sport City ha presentato la prima edizione

Cover GMDI

Il podcast “GDMI, 30 giorni di allenamento”, realizzato dal

PNRR

Una nuova area fitness outdoor

Attese molto positive per il settore del turismo all’aria aperta.