Un italiano su due non fa attività fisica

Un italiano su due non fa attività fisica
Autore: 
A cura della Redazione
Mercoledì, Novembre 28, 2018
Un italiano su due non pratica alcuna attività fisica e tra coloro che invece la fanno, il 26% si dedica allo sport meno di tre volte a settimana. A dirlo è una ricerca condotta dall'Ipsos su 1400 intervistati per conto della Fondazione Pro-Benessere al maschile. I dati sono stati presentati nel corso dell'AndroDay.

Un italiano su due non pratica alcuna attività fisica e tra coloro che invece la fanno, il 26% si dedica allo sport meno di tre volte a settimana. È quanto emerge da una ricerca condotta dall'Ipsos su 1400 intervistati per conto della Fondazione Pro-Benessere al maschile. I dati sono stati presentati nel corso dell'evento ‘AndroDay. Percorsi di salute al maschile’, promosso dalla Fondazione in occasione della Giornata internazionale dell'uomo. Secondo lo studio, i patiti dello sport abitano nel Nord-est, dove è massima la percentuale di chi pratica sport più di 3 volte a settimana (33%), rispetto al 20-22% delle altre aree d’Italia.

L'attività fisica

Chi studia fa più sport. Non è lo sport a distrarre dallo studio, anzi. La percentuale massima di chi non fa sport si raggiunge fra chi ha la licenza media o titolo di studio inferiore (61% rispetto alla media del 51%), quella di chi fa sport più di 3 volte a settimana e fra chi ha la laurea (29% rispetto alla media del 23 per cento). Ai laureati piace correre (il 40% rispetto alla media del 27%), mentre il nuoto piace soprattutto ai diplomati (20% rispetto alla media del 14%) e il ciclismo a chi ha licenza media o titolo inferiore.

Palestra, corsa e calcio nelle preferenze degli italiani. Palestra (36%), corsa (27%) e calcio (25%) sono di gran lunga le tre attività sportive più praticate, davanti a nuoto (14%), ciclismo (11%), tennis (8%) e altri sport. I picchi, in termini di età, si registrano per la palestra nella fascia di età 25/34 anni (51%), per la corsa fra i 55/70 anni (30%) e per il calcio nella fascia 35/54 anni (30%). Nuoto e ciclismo sono i preferiti dalla fascia d’età 55/70: 1 persona su 4 va regolarmente in piscina (il 25% rispetto a una media del 14%) e il 16% in bicicletta (rispetto alla media generale dell’11%).

Italiani e lavoro sedentario. Impiegati, laureati, molto attenti all’alimentazione, sportivi e attenti alla salute: è il ritratto dei sedentari involontari (il 43% degli italiani). Sono obbligati a stare seduti a causa del lavoro svolto ma appena fanno una pausa ne approfittano per muoversi. Operai, con un titolo di studio basso e poco sportivi. Sono i lavoratori non sedentari, con un’attività che li porta a stare seduti per poco tempo. Rappresentano il 35% della popolazione maschile. Poco attenti all’alimentazione e all’assunzione di acqua nel corso della giornata, poco soddisfatti della vita sentimentale, prevalentemente lavoratori autonomi: sono i sedentari volontari. Svolgono un’attività che li obbliga alla sedentarietà ma non cercano il movimento o restano seduti durante le pause. Sono il 22% dei lavoratori intervistati.

I sedentari

Healthy Food Addicted e non, ecco chi sono. Laureato, residente nel Nord-ovest, in comuni di medie dimensioni, di età compresa tra i 55 e i 70 anni: ecco il profilo dell’italiano molto attento alla propria alimentazione (il 26% degli uomini). Si caratterizza per un certo rigore nel consumo di frutta e verdura (tutti i giorni), alterna il consumo di pesce e carne, limita al minimo quello di snack e cibo da fast food. Abita nelle regioni del Mezzogiorno, vive in comuni di grandi dimensioni, è diplomato e ha un’età compresa tra i 25 e i 34 anni. Rappresenta il 58% del campione: è l’uomo non sempre attento all’alimentazione. Meno costanti del precedente gruppo nel consumo di frutta e verdura, sono anche più distratti sul fronte del consumo di snack, carne e cibi da fast food. Distratti i giovanissimi, tra i 16 e i 24 anni, che risiedono nelle Regioni del centro Italia, sono single e studiano. I non attenti al menu quotidiano fatto di verdura, frutta e pesce preferiscono, per gusto o pigrizia, il consumo di carne, snack e cibi da fast food.

L'alimentazione

Pasta tutti i giorni è boom tra giovani e pensionati. La regina della tavola italiana si conferma la pasta che viene consumata quotidianamente dal 68% degli intervistati. L’80% dei giovani tra i 16 e i 24 anni e l’85% dei pensionati mangiano pasta tutti i giorni, il 75% risiede al Centro e nel 70% dei casi è diplomato.

Le abitudini alimentari

Share

LEGGI ANCHE

Lezione di Pound

Dall'incontro di due batteriste ed ex atlete è nato, nel 2011, Pound, l'attività fitness che unisce yoga e Pilates, distinguendosi inoltre per l'utilizzo di bacchette leggermente ponderate, defi

eFootball.Pro League

La eFootball.Pro League, il torneo di calcio in formato videogame al quale partecipano sei rinomati club europei (Schalke 04, Barcellona, Celtic, AS Mo

Sito QRS - Qui Radio Salute

La prima web radio tv dedicata alla salute ha fatto il suo debutto il 4 febbraio scorso.

Chroma Yoga

Lo yoga, dopo aver recentemente sperimentato le alte e le basse temperature e visto nascere classi appositamente pensate per avvicinare il pubblico maschile, continua a evolversi: ora, per stimolare mente, corpo e sensi, punta sui colori.

Allenamento Victus Soul

L'effervescente mercato londinese dei piccoli studi specializzati, più noti come boutique, registra il debutto di un nuovo operatore: Victus Soul, che propone lezioni da 40 e 60 minuti, basate sui connubi HIIT e boxe e HI

pool running

La corsa scopre una nuova, inedita, versione acquatica: il pool running, particolarmente amato e diffuso nei paesi anglosassoni.