ANIF lancia l’SOS a sostegno del settore

Cartello HELP
Autore: 
Redazione
Giovedì, Marzo 12, 2020
Affinché il comparto sport e fitness si “rialzi” dopo la doverosa chiusura, sono indispensabili misure di sostegno per i 100.000 centri sportivi italiani, frequentati da 20 milioni di cittadini. È l’allarme lanciata dall’ Associazione Nazionale Impianti per lo Sport e per il Fitness per scongiurare il rischio di numerosi fallimenti.

Riportiamo di seguito il comunicato stampa con il quale ANIF - Eurowellness si rivolge alle Istituzioni, ai media e dell’opinione pubblica.

ANIF, Associazione Nazionale Impianti per lo Sport e per il Fitness, che da oltre 20 anni tutela e rappresenta gli impianti per lo sport, palestre, piscine e campi sportivi su tutto il territorio nazionale, intende portare all’attenzione delle Istituzioni, in particolare ai Ministro dello Sport, Ministro Economia e Finanze, Ministro del Lavoro, dei media e dell’opinione pubblica la grave crisi che sta vivendo il nostro settore.

Gli impianti sportivi sono stati, infatti, tra i primi settori produttivi a essere vittime dello stato di crisi innescato dall’epidemia da COVID-19: già il 23 febbraio lo sport di base è stato colpito dal DPCM che, vietando manifestazioni ed eventi sportivi, ha impattato anche sulla pratica sportiva amatoriale, dimezzando fino a svuotare i centri, anche sui territori non ancora colpiti da ordinanze e decreti. Decreti e Ordinanze successive hanno poi predisposto lo stato d’emergenza in tutta Italia per attuare misure draconiane di contenimento del virus predisponendo la chiusura totale di palestre e centri sportivi.

Il settore si è adeguato, tutto, alle necessità dell’intera Nazione di combattere l’epidemia del virus e ha prontamente eseguito tutte le Ordinanze, tenendo a casa i quasi 20 milioni di praticanti che ogni giorno entrano ed escono dalle 100.000 strutture sportive.

Si tratta di un settore composto da circa 100.000 Associazioni Sportive Dilettantistiche e Società Sportive Dilettantistiche, che dà lavoro a più di un milione di dipendenti e collaboratori e che non potrà permettersi di affrontare da solo i costi sociali ed economici di tale crisi.

Un settore che si occupa, da sempre, di avviare allo sport i giovani, che permette di far praticare esercizio fisico ad adulti e anziani, che fa crescere e porta in vetta i grandi campioni d’Italia.

 

Oggi, ANIF, per fare in modo che questi stessi centri sportivi possano continuare, una volta riaperti, a tutelare la salute delle persone, chiede:

1. Cassa integrazione per il personale dipendente (settore amministrativo, manutentivo e addetti alle pulizie).

2. Emanazione di provvedimenti urgenti per il Settore in tema di ammortizzatori sociali (Cassa Integrazione in deroga, Sussidi per i collaboratori ex art 67 TUIR (ambito attività istituzionale).

3. Accesso al Credito, sospensione ratei mutui.

4. Prorogare di almeno 6 mesi il pagamento di acqua, energia elettrica e gas con rateizzazione nei 48 mesi successivi.

5. Annullamento per 6 mesi delle imposte ritenute alla fonte, operate in qualità di sostituti d’imposta, nei confronti dei lavoratori dipendenti, nonché dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, relativi ai contratti a tempo indeterminato (manutenzione, pulizie ecc.) per le ASD (Associazioni Sportive Dilettantistiche) e SSD (Società Sportive Dilettantistiche) oppure Sospensione e rateizzazione dei versamenti per 48 mesi.

6. Annullamento per 12 mesi delle imposte (quali a titolo di esempio IRES, IRAP, IVA etc.) quando dovute.

7. Accesso al credito sportivo per finanziamento di superamento crisi, per mutui di ri-partenza a 20 anni, proporzionali alla dimensione dei centri sportivi (volume entrate).

8. Previsione di aiuti finanziari per il pagamento degli stipendi e compensi, per il periodo di chiusura.

 

Non permettiamo che uno tra i più importanti network di promozione di salute e di un sano stile di vita si trovi al collasso.

Quando il Paese ripartirà, i bambini, gli adulti, gli anziani, i patologici avranno bisogno di esercitare il loro diritto allo sport, come corollario del diritto alla salute, riconosciuto anche dall’Unione Europea.

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Edoardo Cognonato

Organizzata da Editrice Il Campo sotto l'egida della rivista

COVID-19

L’emergenza Coronavirus ha effetti importanti anche sulle imprese che, in ottemperanza delle misure vigenti, sono tenute a riconfigurare la propria struttura organizzativa e la gestione delle prestazioni lavorative per assicurare la tutela della salute de

Centro sportivo

Nonostante difficile situazione attuale, le iniziative a tasso zero a sostegno dell’impiantistica sportiva degli Enti Territoriali sono ripartite a pieno regime.

Bambino con i gunatoni

Questa pandemia ha mostrato, con drammatica evidenza, l'importanza assoluta della salute, un bene senza il quale tutto il resto perde valore e significato.

Palestra

Finalmente è  stato pubblicato l’atteso decreto dell'Ufficio per lo sport che rende accessibile il Fondo destinato agli interventi a favore delle associazioni sportive e delle società sportive dilettantistiche.

Luca Florentino

Anche la comunicazione deve cambiare registro nell’era post Covid-19, specialmente guardando oltre la stagione estiva, alla vera ripartenza di settembre.