Arruolare i medici per promuovere l’attività fisica

Stetoscopio
Autore: 
Redazione
Giovedì, Settembre 1, 2016
Public Health England, l’agenzia del governo britannico il cui fine è proteggere e migliorare la salute e il benessere della popolazione, ha recentemente deciso di coinvolgere il settore medico-sanitario del Paese per massimizzare l’efficacia della sua azione

Public Health England (PHE), l’agenzia del governo britannico il cui fine è proteggere e migliorare lo stato di salute e di benessere della popolazione, ha recentemente deciso di coinvolgere il settore medico-sanitario del Paese per massimizzare l’efficacia della sua azione.

Come riportato dalla rivista specializzata Health Club Management, scopo dell’iniziativa è far sì che i medici conoscano la grandi potenzialità, in termini di benefici per la salute, dell’attività motoria e la utilizzino per curare i pazienti.

Il programma – attuato in partnership con il Nuffield Department of Primary Care and Health Sciences dell’Università di Oxford – prevede un percorso formativo dedicato principalmente all’attività fisica. Lo scopo è educare il personale medico circa i benefici dell’attività motoria, i rischi e i dati statistici inerenti la sedentarietà, la fisiologia dell’esercizio fisico nella prevenzione primaria e secondaria e le iniziative locali dedicate al movimento.

Nel corso degli incontri verranno presentate prove epidemiologiche e biologiche dei benefici dell’attività motoria e si terranno sessioni interattive dedicate al lavoro in team, allo sviluppo di capacità di problem solving, così come colloqui motivazionali focalizzati sull’applicazione pratica delle competenze acquisite all’attività clinica quotidiana. I professionisti coinvolti svilupperanno inoltre le capacità necessarie per fungere da mentori e coach di altri specialisti in modo da favorire il successo di questo innovativo e ambizioso programma.

Lo scorso luglio, il Royal College of General Practitioner – l’organismo professionale dei medici di medicina generale del Regno Unito il cui fine è promuovere l’eccellenza nell’assistenza sanitaria primaria – ha annunciato che l’attività di medicina di base svolta a livello locale darà maggiore importanza all’attività fisica in termini sia di formazione sia di attenzione e priorità da parte dei medici. L’obiettivo è ridurre i costi della sanità pubblica sfruttando l’efficacia dell’attività motoria in ambito sia preventivo sia terapeutico.

Alla fine del 2014 PHE presentò il progetto intitolato “Everybody Active, Every Day” (Tutti Attivi, Tutti i Giorni) dal quale emerse che nel Regno Unito il 45% delle donne e il 33% degli uomini sono sedentari.

 

Share

LEGGI ANCHE

Uomo dubbioso

La situazione che sta vivendo lo sport nazionale in questo tardo autunno del 2020 non ha precedenti. L’attività è, di fatto, bloccata e, al momento, non si è in grado di prevedere se e in che condizioni potrà riaprire.

Locndina video-intervista David Mariani

Un nuovo appuntamento con le videointerviste di ForumClub ai protagonisti del settore fitness proposte, in prima visione, sulla pagina Facebook dell'evento.

Allenamento a corpo libero

Subito dopo l’attesa emanazione del nuovo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, avvenuta ieri, ANIF-Eurowellness ha giustamente sottolineato che il provvedimento governativo conferma che le

giocatori in campo

Il Dpcm contenente le nuove misure relative al contrasto della diffusione del coronavirus è stato firmato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal ministro della Salute, Roberto Speranza, e avrà validità per i prossimi 30 giorni, ovvero fino a venerdì 13 novemb

Mascherina sanitaria

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto-legge 7 ottobre 2020, n. 125, che stabilisce la proroga al 31 gennaio 2021 della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19.

Locandina Let's Be Active 2020

Let’s #BeActive, la campagna di sensibilizzazione per contrastare la sedentarietà che promuove lo