Attività motoria nel Regno Unito: numeri e tendenze

Copertina Active Lives Survey 2018
Autore: 
Redazione
Giovedì, Maggio 10, 2018
Un recente studio promosso da Sport England fotografa lo status quo inerente attività motoria, esercizio fisico e sport nel Regno Unito, svelando che le preferenze e le abitudini dei sudditi della Regina al riguardo stanno cambiando

Active Lives Survey, indagine recentemente promossa da Sport England per fotografare lo status quo inerente attività motoria, esercizio fisico e sport nel Regno Unito, svela che le preferenze e le abitudini dei sudditi della Regina al riguardo stanno cambiando, e che solo il 61,8% della popolazione svolge qualche forma di attività fisica.

Questo approfondito studio - che rientra nelle iniziative attuate dal Governo e da Sport England per promuovere uno stile di vita fisicamente attivo e sano tra la popolazione - ha consentito di suddividere la popolazione in tre macro categorie di soggetti, ovvero "inattivi", "abbastanza attivi" e "attivi", mostrando significativi dislivelli in termini di quantità di attività motoria svolta, legati principalmente alle condizioni socio-economiche e all'età.

Per quanto concerne le tipologie di attività svolte, è stato rilevato un calo degno di nota delle attività tradizionali come nuoto, sport di squadra, sport della racchetta e ciclismo in favore di discipline più recenti come sport d'avventura e interval training, in particolar modo HIIT e circuit training.

Ipsos-Mori, nota società britannica specializzata in analisi e ricerche dio mercato, ha sondato, tramite corrispondenza cartacea e via web, un campione rappresentativo della popolazione composto da soggetti dai 16 anni in su per rilevare l'atteggiamento (grado di partecipazione, frequenza e quantità) nei confronti dell'attività fisica e sportiva e di attività motorie quali camminata, utilizzo della bicicletta, danza e ballo. I risultati del sondaggio sono stati presentati il 22 marzo scorso e si riferiscono al periodo compreso tra novembre 2016 e novembre 2017

 

Livelli di attività motoria svolta

 

I tre livelli di attività motoria in cui sono stati suddivisi i rispondenti sono i seguenti:

  1. Inattivo: meno di 30 minuti di attività motoria alla settimana (11,5 milioni di persone, corrispondenti al 25,7%);
  2. Abbastanza attivo: 30-149 minuti di attività motoria alla settimana (5,6 milioni di persone, corrispondenti al 12,5%);
  3. Attivo: almeno 150 minuti di attività motoria alla settimana (27,7 milioni di persone, corrispondenti al 61,8%).

 

L'appartenenza a una delle tre fasce è legata a vari fattori, tra i quali spiccano le caratteristiche socio-economiche e l'età, mentre il genere non influisce in modo significativo (gli uomini tendono a essere leggermente più attivi rispetto alle donne, per l'esattezza 64% contro il 60%).

Osservando il fattore socio-economico, si nota che le persone disoccupate da lungo tempo o che non hanno mai lavorato tendono a essere più sedentari e meno propensi a diventare fisicamente attivi. I soggetti che ricoprono ruoli manageriali, amministrativi, e più in generale "intellettuali", hanno, per contro, meno probabilità di essere inattivi e una maggiore propensione a muoversi.

In generale, i livelli di sedentarietà aumentano con l'avanzare dell'età e l'incremento più marcato si registra nelle fasce d'età 75-84 anni e over 85, passando dal 48% al 71%. Analogamente, il livello di attività mostra un sensibile decremento nelle fasce d'età 65-74 e 75-84 anni, passando dal 57% al 37%, per arrivare al 18% negli over 85. Per quanto riguarda i giovani, i più attivi risultano essere i soggetti di età compresa tra 16 e 24 anni (75%), che sono anche i meno inattivi (16%).

 

Grafico livelli attività

©SportEngland

 

Le attività svolte dai più attivi

 

I cittadini britannici che svolgono almeno 150 minuti di attività motoria alla settimana praticano le seguenti attività/discipline:

 

  • Camminata leisure, che comprende passeggiate con il cane, escursioni e nordic walking  (18,6 milioni di persone);
  • Camminata travel, ovvero camminate di almeno 10 minuti continuativi (14,5 milioni di persone, un incremento di 423.000 soggetti rispetto all'anno precedente);
  • Fitness, più precisamente una combinazione di attività svolte in palestra utilizzando attrezzi/pesi liberi e frequentando corsi (13,2 milioni di persone, nello specifico 6,5 milioni partecipano ad attività di gruppo, 2,4 milioni svolgono interval training sotto forma di circuiti e HIIT, con un incremento pari a 518.000 soggetti rispetto all'anno precedente);
  • Corsa, atletica e sport vari, inclusi jogging, corsa, triathlon, corsa a ostacoli, pentathlon moderno, atletica leggera (7 milioni di persone);
  • Ciclismo leisure, categoria nella quale le attività di riferimento sono BMX, mountain bike, ciclismo su strada, utilizzo di cyclette, indoor cycling e competizioni (5 milioni di persone, con un decremento pari a -93.000 soggetti rispetto all'anno precedente);
  • Nuoto, ovvero le attività natatorie svolte indoor, outdoor e in acque aperte (4,6 milioni di persone, con un decremento pari a -283.000 soggetti rispetto all'anno precedente);
  • Sport di squadra, che includono, ad esempio, calcio, cricket, rugby, netball, basket, basket in carrozzina, hockey, pallavolo, baseball, softball, pallamano (3,2 milioni di persone, anche in questo caso il decremento è molto netto, pari a -231.000 soggetti rispetto all'anno precedente);
  • Ciclismo travel, categoria che comprende anche i lavoratori pendolari che si muovono in bici (3,2 milioni di persone);
  • Sport d'avventura, tra i quali figurano arrampicata, parkour, speleologia, parapendio, deltaplano (2,6 milioni di persone, con un forte incremento pari a +337.000 soggetti rispetto all'anno precedente);
  • Sport da racchetta, ovvero tennis, badminton, squash, racketball, tennis da tavolo (2,4 milioni di persone, con un calo pari a -107.000 soggetti rispetto all'anno precedente).

 

Per maggiori informazioni: Active Lives – Sport England

 

Share

LEGGI ANCHE

Campo da gioco polifunzionale

L’articolo 13 del decreto n.

Di Maio, Conte, Giorgetti

 

Bambino in piscina

All’inizio della scorsa estate, Mauro Migliorini, sindaco del piccolo comune di Asolo - poco più di 9.000 abitanti, sulle colline bellunesi - ha conquistato titoli e pagine sui principali quotidiani nazionali per via di un divieto che ci ha fatto fare un balzo sulla sedia.

The Mirai

Rainer Schaller (nella foto sotto), fondatore, socio unico e CEO di McFIT, network internazionale di club low cost presente anche in Italia, ha recentemente ceduto la gestione operativa del core business aziendale al COO Vito Scavo.

Palestra flessibile

Aperta 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In una parola: flessibile. È questa la palestra del futuro, o per meglio dire, del presente.

Persone che fanno fitness

Un progetto dell’Unione Europea, promosso da EuropeActive in collaborazione con ANIF e