Corporate fitness: un trend in crescita

Dipendenti felici
Autore: 
Redazione
Giovedì, Aprile 20, 2017
Sono sempre più numerose, anche in Italia, le aziende che offrono ai propri dipendenti migliori condizioni di lavoro e la possibilità di svolgere esercizio fisico in un uno spazio aziendale dedicato o in club convenzionati

È risaputo, per non dire scontato, che le persone che svolgono regolarmente esercizio fisico si ammalano di meno e si sentono meglio, non solo fisicamente, ma anche mentalmente. Hanno un atteggiamento mentale più positivo, maggiore fiducia in sé stessi e sono meno esposti al rischio di soffrire di depressione e sbalzi di umore.

Non è dunque un caso che un numero sempre maggiore di aziende punti sul cosiddetto “corporate fitness” (l’attività motoria svolta in azienda, o grazie all’azienda in cui si lavora) per avere dipendenti più motivati e positivi, più produttivi e meno assenteisti. Molti imprenditori, in tutto il mondo, offrono ai propri dipendenti migliori condizioni di lavoro realizzando un’area fitness o stipulando accordi con fitness club.

Come spesso accade, questa tendenza ha fatto la sua comparsa negli Stati Uniti per poi diffondersi in Europa e, da qualche anno a questa parte, anche in Italia, dove il corporate wellness si sta finalmente diffondendo.

Un esempio? La sede di Modena del colosso svedese Tetra Pak oltre a concedere ai propri dipendenti l’orario flessibile e l’asilo aziendale, è dotata di un vero e proprio centro fitness dotato di sauna, 20 attrezzi, sistema per la diffusione musicale e schermi televisivi. Tutti i dipendenti, dal lunedì al venerdì, hanno accesso gratuito all’area fitness-wellness e possono addirittura affidarsi a un personal trainer ben tre volte alla settimana e svolgere numerose attività legate a calcio, basket, pallavolo, tennis, floorball, sci, squash e yoga. Per ora sono 500 i lavoratori che sfruttano questo prezioso benefit aziendale, ma con tutta probabilità questo numero crescerà.  

Un altro esempio è quello della sede milanese della multinazionale statunitense Sas che ha lanciato il progetto “Lavoro, mangio, mi alleno!”, in virtù del quale i dipendenti dispongono, versano appena 60 euro all’anno, di una palestra di 200 metri quadrati, dotata di 20 attrezzi, aria climatizzata e impianto di filodiffusione. Uno spazio fitness nel quale si tengono, inoltre, incontri di gruppo con un nutrizionista, un osteopata e un personal trainer. E grazie ad attrezzi di ultima generazione, al suo interno viene anche svolta attività preventiva nei confronti delle cattive posture e del mal di schiena.

Share

LEGGI ANCHE

Simbolo Unione Europea

Il mercato europeo dei fitness club continua a crescere a ritmo costante.

Un’ora soltanto la settimana. Basta questo, secondo i ricercatori della Feinberg School of Medicine della Northwestern University, negli Stati Uniti, per diminuire il rischio di disabilità legato all’artrosi.

Strateghi della vendita virtuali, jogging cerebrale in un mondo digitale, allenamento che diventa un viaggio fantastico e giocoso, ovvero trucchi tecnologici per alimentare la motivazione all’esercizio fisico di chiunque, dal neofita sedentario agli atleti di altissimo profilo.

Il divertimento è la chiave per l'attività fisica dei più giovani

Sono stati più di 130.000 i soggetti intervistati nel corso dell'anno accademico 2017/2018 ai fini dell'indagine Active Lives Children and Young People, i cui dati hanno portato alla stesura del

Dai bambini agli anziani, bisogna fare più attività fisica

Incrementare il numero delle persone fisicamente attive del 30%, per quanto riguarda gli adulti, e del 15% per gli over 64.

Convegno ANIF ForumClub 2019

Il Convegno nazionale ANIF Eurowellness, il primo del 2019, si è svoltosi lo scorso 15 febbraio nel corso del 20° ForumClub e dell'11° Forum