GDPR sulla privacy: è finito il periodo di tolleranza

Protezione dati
Autore: 
Redazione
Giovedì, Giugno 20, 2019
Gli operatori che non si sono ancora adeguati alle nuove norme europee del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati sono esposti a maggiori rischi in quanto dal 20 maggio scorso il Garante può applicare, senza alleggerimenti, le sanzioni previste.

La nuova norma europea sulla privacy, ovvero il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (sinteticamente GDPR) è entrato in vigore il 25 maggio 2018 in tutti i paesi dell’Unione Europea. Gli operatori che non si fossero ancora adeguati alle nuove norme sono esposti a maggiori rischi in quanto dal 20 maggio scorso il Garante può applicare, senza alleggerimenti, le sanzioni previste dal GDPR per l’inosservanza al corretto trattamento dei dati. Diversi  garanti europei hanno già applicato sanzioni per inadempienza che, salvo casi eclatanti, si sono concretizzate in multe amministrative.

Il nuovo regolamento, come noto, interessa ogni azienda, ogni esercizio commerciale, ogni organizzazione, con o senza scopo di lucro, che gestisce o archivia dati personali, dunque anche fitness-wellness club, centri sportivi e piscine, realtà che registrano i propri clienti con dati di contatto ai quali si aggiungono ulteriori elementi come immagine, certificato medico (anche specialistico), dati finanziari, misurazioni corporee, preferenze e persino abitudini comportamentali.

Share

LEGGI ANCHE

Locandina European Week of Sport 2019

La European Week of Sport,  iniziativa promossa dalla Commissione Europea, promuove da anni l’attività fisica in tutto il Vecchio Continente, esortandone la popolazione, con numerose iniziative, essere attiva,

IHRSA European Congress 2018

L’ edizione 2019 dell’IHRSA European Congress, la 19^,  si terrà a Dublino, dal 14 al 17 ottobre prossimi, all’interno del Clayton Hotel Burlington Road.

Skyline New York

La trentaseiesima edizione di Profiles of Success, il resoconto dello studio annuale con il quale l’IHRSA analizza il mercato statunitense dei fitness-wellenss club, fotografa un settore dinamico che, nel corso del 2017, ha registrato una crescita

La sedentarietà non fa bene alla salute, ma non sarebbe causa di mal di schiena. Secondo uno studio condotto in Australia, infatti, si esclude ogni associazione fra la prolungata posizione seduta e il dolore lombare.

Nel 2018 gli italiani hanno speso 17,5 miliardi per la sana alimentazione, mentre 10,2 miliardi sono stati destinati alla cura del corpo e 8,6 miliardi all’attività fisica.

Fitness club

La norma volontaria UNI-EN 17229:2019, pu