Germania: la prima norma di legge sull'EMS training

Sessione di EMS Training
Autore: 
Redazione
Venerdì, Maggio 3, 2019
Una recente ordinanza del Consiglio federale tedesco e la norma DIN standard 33961 regolamentano i dispositivi EMS e il loro utilizzo, introducendo una certezza giuridica che solleva gli operatori da responsabilità in caso di controversie legali.

Il Bundesrat, il Consiglio federale tedesco, ha recentemente aggiornato l’ordinanza sulla protezione dalle radiazioni che disciplina l'utilizzo dei dispositivi EMS. Lo ha fatto con la risoluzione risalente al 19 ottobre scorso, che avrà effetto dal 2020/21. E lo scorso febbraio è entrata in vigore la parte 5 della norma DIN standard 33961, contenente i regolamenti per le apparecchiature da studio e il funzionamento delle strutture EMS, che conferiscono certezza giuridica all'utilizzo delle apparecchiatura, sollevando in questo modo gli operatori da responsabilità in caso di controversie legali.

La norma DIN 33961 parte 5 contiene i principali requisiti per le attrezzature da studio e il loro utilizzo da parte degli operatori EMS, con riferimento all’esecuzione dell’allenamento, alle attrezzature e al personale.


Requisiti per l’esecuzione dell’allenamento:
 

  • l'utente deve essere in grado di raggiungere il dispositivo operativo in 1 secondo (distanza di circa 120 cm);
  • il trainer deve essere in grado di raggiungere il dispositivo operativo in 1 secondo (distanza di circa 120 cm);
    il trainer deve essere in grado di raggiungere l'utente in 1 secondo (distanza di circa 120 cm);
  • un allenatore deve essere presente in ogni sessione di allenamento;
    ogni allenatore deve supervisionare non più di 2 utenti per sessione di allenamento;
    l'allenatore e l'utente devono mantenere un costante contatto visivo e comunicazione verbale;
  • ogni utente deve ricevere un briefing iniziale e completare un sondaggio specifico sulle controindicazioni EMS. Questo deve essere documentato per iscritto;
    gli utenti devono riposare per almeno quattro giorni tra le sessioni di allenamento.
     

Requisiti per le attrezzature:

  • tutti i dispositivi di addestramento EMS utilizzati devono essere conformi alle norme DIN EN 61000 e DIN EN 60335 (CE dichiarazione di conformità);
  • i fornitori sono obbligati a utilizzare i dispositivi di allenamento EMS che sono stati sviluppati e fabbricati in conformità ai requisiti di cui alla norma DIN EN 60601-2-10 (medical standard con certificato del produttore);
  • un dispositivo di appoggio (maniglia o corrimano) per l'utente deve essere sempre presente;
  • l'aggiustamento dell’intensità deve essere continuo e progressivo, non rapido;
  • tutti gli elementi di controllo che regolano l'intensità devono essere immediatamente riconoscibili e intuitivamente operativi, senza cambiare menu;
  • il trainer deve essere in grado di vedere e capire chiaramente quale utente è connesso a quale dispositivo;
  • tutte le attrezzature tecniche devono essere autorizzate e approvate dal produttore;
  • gli indumenti da allenamento devono avere un rivestimento antimicrobico o essere lavabili in lavatrice a 90 gradi;
  • gli elettrodi devono avere un rivestimento antimicrobico o essere puliti e disinfettati dopo ogni sessione di allenamento;


Requisiti per il personale:

  • ogni allenatore deve possedere almeno una qualifica di base nel campo dell'allenamento individuale fitness rilasciato da un istituto di insegnamento riconosciuto o certificato;
  • ogni allenatore deve inoltre possedere una qualifica specifica nel campo EMS rilasciata da un istituto di insegnamento certificato e una esperienza pratica di almeno dieci sedute di allenamento.

 

 

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Bimba che corre

Meno smartphone, tablet e tv, più attività fisica.

La pigrizia ha un’età: 7 anni. E’ questo, secondo uno studio condotto dall’Università di Jyväskylä e da LIKES Research Centre for Physical Activity and Health, il momento in cui i bambini iniziano a mostrare segni di malavoglia.

Simbolo Unione Europea

Il mercato europeo dei fitness club continua a crescere a ritmo costante. È quanto emerge dall'ultima edizione dello European Health & Fitness Market Report, l'annuale studio condotto da Deloitte in collaborazione con EuropeActive.

Un’ora soltanto la settimana. Basta questo, secondo i ricercatori della Feinberg School of Medicine della Northwestern University, negli Stati Uniti, per diminuire il rischio di disabilità legato all’artrosi.

Strateghi della vendita virtuali, jogging cerebrale in un mondo digitale, allenamento che diventa un viaggio fantastico e giocoso, ovvero trucchi tecnologici per alimentare la motivazione all’esercizio fisico di chiunque, dal neofita sedentario agli atleti di altissimo profilo.