Il boom dei fitness club privati in Svizzera

Indoor cycling
Autore: 
Rita Cesarini
Martedì, Gennaio 12, 2016
Un sesto della popolazione svizzera sceglie di frequentare centri fitness privati, questo soprattutto per la loro elevata flessibilità, la mancanza di obblighi e gli orari di apertura prolungati.

I risultati presentati all’interno del rapporto “Sport Svizzera”, pubblicato a fine 2015 dall’Ufficio Federale dello Sport, presentano un’analisi approfondita dell’approccio allo sport in Svizzera della popolazione compresa tra i 15 e i 74 anni.

Per quanto riguarda il fitness, un dato molto interessante riguarda i centri privati, che nel corso degli anni hanno acquistato grande importanza e diffusione: il 16% della popolazione, infatti, risulta abbonato a queste strutture o ne è coinvolto in altro modo. Nello specifico, sono di più le donne rispetto agli uomini a rivolgersi a strutture private dedicate al fitness e le discipline più praticate sono lo yoga e il ballo. Tra le altre attività che riscuotono un buon seguito ci sono Pilates, ginnastica, Zumba, acquafitness, tennis e arti marziali.

I centri fitness privati vengono scelti da un sesto della popolazione per diversi motivi. In primo luogo, il campione di popolazione interpellata per lo studio, ha affermato di apprezzare molto l’elevata flessibilità (22% dei membri), la mancanza di obblighi (21% dei membri), gli orari di apertura prolungati (15% dei membri). Da sottolineare sicuramente il fatto che queste caratteristiche siano particolarmente ricercate e apprezzate soprattutto dalle donne. Altri parametri di scelta, che però sono stati citati in maniera minore, sono la buona assistenza (9% dei membri), l’infrastruttura (6% dei membri) e la raggiungibilità (2% dei membri).

Se si va ad analizzare l’età dei frequentatori di questi centri, si può notare che al suo aumentare la probabilità di iscrizione diminuisce: in queste strutture, infatti, le persone di età compresa tra i 60 e i 74 anni risultano essere la metà rispetto alle persone tra i 15 e i 29 anni.

Infine, se le differenze di reddito influiscono sulla scelta di frequentare un centro privato, la nazionalità risulta essere totalmente irrilevante.

Per approfondire lo studio e consultare tutti i risultati riportati nel rapporto “Sport Svizzera”, vi consigliamo di consultare il documento ufficiale e di leggere l’articolo I numeri dello sport in Svizzera pubblicato su SportIndustry.

Share

LEGGI ANCHE

Ragazze fanno push up

EuropeActive ha reso noto che tutti e tre i suoi progetti sottoposti al vaglio dell’Unione Europea nel 2019 hanno sufficientemente soddisfatto i criteri di valutazione e sono stati ufficialmente finanziati.

Lo abbiamo scritto e non manchiamo di ripeterlo: uno stile di vita sedentario può essere un forte fattore di rischio per la salute, specie nei soggetti colpiti da infarto che, in caso di inattività fisica protratta nel tempo, possono incorrere in seri problemi cardiaci

Locandina Let’s#BeActive

Anche quest’anno ANIF - Eurowellness, Associazione Impianti Sport e Fitness, promuove Let’s#BeActive, il progetto lanciato lo scorso anno da

Fitness outdoor

Negli ultimi due anni, a livello globale, il settore del wellness, dunque tutti i tanti prodotti, servizi e  attività che vi rientrano, ha registrato una crescita del 12,8%.

Istruttrice con allievi

Lo European Register of Exercise Professionals, sinteticamente EREPS, ovvero il Registro Europeo dei Professionisti dell’Esercizio Fisico, è stato creato da EuropeActive nel 2007, quando ancora si chiamava EHFA, acronimo di

Pubblicità fitness club

Dal al 31 di ottobre.