Il contributo a fondo perduto per palestre e piscine

Uomo con mascherina e lavagna con scritta Closed
Autore: 
A cura della Redazione
Mercoledì, Dicembre 1, 2021
Dal 2 al 21 dicembre 2021, le palestre e le piscine rimaste chiuse almeno 100 giorni, tra il 1° gennaio e il 25 luglio 2021 a causa della pandemia, possono richiedere all’Agenzia delle Entrate, in via telematica, il previsto contributo a fondo perduto.

Il provvedimento direttoriale del 29 novembre 2021 n. 336230/2021 ha definito il contenuto informativo, le modalità e i termini di presentazione dell’istanza per il riconoscimento del contributo a fondo perduto stabilito dall’articolo 2 del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106, e all’articolo 11 del decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 settembre 2021, n. 126.

Si tratta del contributo a fondo perduto istituito a favore delle attività economiche per le quali è stata disposta la chiusura per un periodo complessivo di almeno cento giorni tra il 1° gennaio 2021 e il 25 luglio 2021.

Di seguito i punti salienti del provvedimento del 29 novembre:

  • l’istanza potrà essere presentata all’Agenzia delle Entrate in via telematica dal 2 al 21 dicembre 2021;
  • i contributi a fondo perduto possono essere chiesti dai titolari di discoteche, sale da ballo e di altre attività, come cinema, teatri, palestre e piscine rimaste chiuse per effetto delle restrizioni introdotte per contrastare l’epidemia;
  • il contributo previsto per le attività operative in diversi settori, dallo svago al benessere, dallo sport all’intrattenimento, rimaste chiuse per almeno 100 giorni tra il 1° gennaio e il 25 luglio ha un tetto fissato a 12mila euro;
  • i contributi riconosciuti saranno accreditati direttamente sul conto corrente indicato nell’istanza;
  • la domanda deve essere inviata utilizzando i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate.

 

Per maggiori informazioni:

Consulta il testo del provvedimento

Consulta la pagina dell'Agenzia delle Entrate

 

 

Share

LEGGI ANCHE