Il mercato dell’attività fisica vale 828 miliardi di dollari

Ragazza in palestra
Autore: 
Redazione
Giovedì, Novembre 28, 2019
È quanto emerge dallo studio condotto dal Global Wellness Institute presentato all’ultima edizione del Global Wellness Summit. Un mercato in crescita a livello globale, che comprende attività sportive e ricreative, fitness, attrezzature, abbigliamento, calzature sportive e dispositivi tecnologici.

In occasione dell’ultima edizione del Global Wellness Summit, tenutosi lo scorso 12 ottobre a Singapore, il Global Wellness Institute (GWI) ha presentato il suo principale studio condotto nel 2019, ovvero "Move To Be Well: The Global Economy of Physical Activity". L’indagine ha preso in esame l’intera “economia dell’attività fisica il cui valore, stimato a livello mondiale, sarebbe pari a 828,2 miliardi di dollari, includendo le attività sportive e ricreative, il fitness e i correlati mercati delle attrezzature, dell’abbigliamento, delle calzature sportive e dei dispositivi tecnologici.

L’approfondito resoconto (180 pagine) indica le spese sostenute dai consumatori in sei mercati, il tasso di partecipazione in 150 paesi, le proiezioni sulla crescita del mercato e un approfondimento sulle iniziative pubbliche e private che hanno a che fare con il settore. Nell’ambito delle proiezioni, prevede che il mercato creato dall’attività fisica supererà, entro il 2023, il trilione di dollari. Le dimensioni del mercato dell’Asia Pacifica – la cui crescita rappresenta circa il 40% di quella globale – hanno superato quelle del mercato del Nord America, finora leader (Cina e India, insieme, contribuiscono a quasi un terzo di questa crescita). Si prevede, inoltre, che il mindful movement, ovvero le attività motorie che pongono l’accento sulla consapevolezza del proprio corpo, sui movimenti compiuti e sul respiro, sarà al primo posto tra i settori in crescita (+12% annuo tra il 2018 e il 2023), passando dagli attuali 29 miliardi di dollari a 52. La tecnologia costituirà il secondo mercato in termini di crescita (8,6% annua) il cui giro d’affari generato passerà dagli attuali  26,3 miliardi di dollari ai 39,8 del 2023.

 

Attività fisica

 

Il 90% della spesa mondiale per le attività fisiche ricreative è sostenuta in Nord America, Asia ed Europa. La spesa media pro capite, a livello mondiale, è pari a 306 dollari all’anno (136 dollari per le attività e 172 per attrezzatura, abbigliamento, scarpe e tecnologie).

Ci sarebbe, inoltre, una forte correlazione tra felicità e attività fisica. Prendendo in considerazione le nazioni più felici, il World Happiness Report 2019 e i paesi in cui si registra il tasso più elevato di persone che svolgono attività fisiche ricreative, emerge che i paesi del Nord Europa, tra i quali Norvegia, Islanda, Svezia, Finlandia e Danimarca, sono più felici e quelli in cui so svolge più attività fisica.

Il Global Wellness Institute ha inoltre stimato che solo il 35% della popolazione mondiale svolge regolarmente ad attività fisiche ricreative e che sedentarietà, obesità e malattie croniche si stanno diffondendo parallelamente al mercato del fitness.

Share

LEGGI ANCHE

Umberto Miletto

La 21a edizione di ForumClub, il congresso internazionale ed expo di riferimento per gli operatori del settore fitness e wellness in Italia, si al Palazzo del Ghiaccio di Milano (ne

Adolescente al computer

Gli adolescenti italiani si muovono sempre meno: mediamente, l’81% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni non svolge la quantità di attività motoria raccomandata, per la salute, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ovvero

Ragazza al computer

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente classificato il burn out, ovvero lo stress da lavoro, come sindrome che influenza lo stato di salute.

Ragazze fanno push up

EuropeActive ha reso noto che tutti e tre i suoi progetti sottoposti al vaglio dell’Unione Europea nel 2019 hanno sufficientemente soddisfatto i criteri di valutazione e sono stati ufficialmente finanziati.

Lo abbiamo scritto e non manchiamo di ripeterlo: uno stile di vita sedentario può essere un forte fattore di rischio per la salute, specie nei soggetti colpiti da infarto che, in caso di inattività fisica protratta nel tempo, possono incorrere in seri problemi cardiaci

Locandina Let’s#BeActive

Anche quest’anno ANIF - Eurowellness, Associazione Impianti Sport e Fitness, promuove Let’s#BeActive, il progetto lanciato lo scorso anno da