Il popolo italiano del fitness ai raggi x

Fitness club
Autore: 
Redazione
Lunedì, Luglio 18, 2016
Un recente studio, condotto dall’Università Politecnica delle Marche, ha fotografato i frequentatori delle palestre italiane individuando 5 profili caratterizzati da specifici stili di consumo e interessi

L’indagine intitolata “Di che fitness sei?”, recentemente condotta dal Quality Life Institute – centro di ricerca che opera nell’ambito di L.I.V.E., spin-off dell’Università Politecnica delle Marche – fa luce sui nuovi profili di consumo degli italiani che fanno fitness, analizzando i cambiamenti in atto nella domanda di servizi legati all’esercizio fisico, con particolare attenzione alle motivazioni dei praticanti.

Lo studio – condotto tramite 1.075 interviste online effettuate lo scorso aprile – ha consentito di individuare le tendenze emergenti nel group fitness e valutare l'integrazione del fitness con il mondo social e digital, identificando in questo modo i diversi “profili di consumo”. Il profilo più rappresentativo, la cui incidenza è pari al 30,1% del campione sondato, riguarda i “tonici”, seguiti dagli “armonici” (25,8%), dagli “irresponsabili” (18,5%), dai “socializzatori” (16,1%) e dai “risolutori” (9,5%).

 

I tonici

I “tonici” sono coloro che frequentano il club per curare il fisico, mantenendosi snelli e tonici. Mirano inoltre a migliorare le proprie prestazioni sportive e ad aumentare la massa muscolare, in modo corretto e costante. È il gruppo che frequenta il club con maggiore assidutà e in molti casi svolge anche altre forme di esercizio fisico. Questi soggetti sono interessati a controllare la loro performance anche tramite l’uso di APP e sono in prevalenza under 35.

 

Gli armonici

Costituiscono un quarto del campione, hanno un’età compresa tra 26 e i 45 anni (ma in questa categoria figurano anche numerosi over 60) e frequentano il club per raggiungere o mantenere uno stato di forma ottimale sia fisico sia mentale. Il loro principale obiettivo è “stare bene” vivendo sereni, senza stress. Sono tendenzialmente molto fedeli al club che frequentano con assiduità, prediligono le attività di gruppo, la sala cardio-isotonica e la zona relax. A differenza dei tonici, non sono particolarmente interessati al monitoraggio “tecnologico” dell’allenamento.

 

Gli irresponsabili

Tendenzialmente frequentare il fitness club per compensare gli eccessi e i peccati di gola. Attraverso l’esercizio fisico cercano di redimersi dal punto di vista sia fisico sia psicologico. Costituiscono il profilo più incostante e difficile da fidelizzare e appartengono alla fascia 36-55 anni. Sono tra i meno soddisfatti del club che frequentano e tendenzialmente non utilizzano il servizio di assistenza all’allenamento e tantomeno o servizi legati al relax. Sono però interessati a misurare i risultati raggiunti in termini di forma fisica anche tramite apposite app.

 

I socializzatori

Sono coloro che apprezzano la dimensione “relazionale” del fitness e considerano il club un luogo in cui fare nuove conoscenze, divertirsi e trascorrere il tempo in compagnia. La fascia d’età più rappresentata in questa categoria è 46-55 anni. Sono tra i più fidelizzati al club che frequentato in modo assiduo e prediligono il group fitness. Sono molto soddisfatti del loro club e entrerebbero volentieri a far parte di una community online, ma non sono interessati all'utilizzo di una APP per misurare i risultati dell'allenamento.

 

I risolutori

Costituiscono appena il 9,5%, del campione e vedono il centro fitness quasi esclusivamente come uno strumento terapeutico, il luogo della riabilitazione o in cui prevenire problemi fisici e di salute. Frequentano il club con regolarità, ma non in modo assiduo, e raramente si dedicano, al suo esterno, ad altre forme di esercizio fisico. Apprezzano le attività di gruppo, utilizzano gli spazi acquatici e i servizi dedicati al relax, non sono particolarmente interessati alla misurazione dei risultati conseguiti tramite l’allenamento, non sono propensi all'interazione digitale con il club e sono in prevalenza over 46.

 

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Lampadina a risparmio energetico

L’ecobonus per la riqualificazione energetica e sismica è stato esteso, con apposito emendamento efficace dallo scorso19 luglio, anche agli immobili gestiti dalle associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro Coni, con riferimento e

Vincenzo Spadafora

Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha fornito aggiornamenti sul Testo unico di riforma dello sport, la cui bozza è stata inviata al Governo e alle forze politiche alcuni giorni fa.

Vincenzo Spadafora

Ieri, con un messaggio su Facebook, il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha annunciato di aver inviato la bozza del Testo unico dello sport al Governo e alle forze politic

Giorgia D'Autorio

Editrice Il Campo, sotto l'egida della rivista Il Nuovo Club e dell'evento congressuale e

Edoardo Cognonato

Organizzata da Editrice Il Campo sotto l'egida della rivista

COVID-19

L’emergenza Coronavirus ha effetti importanti anche sulle imprese che, in ottemperanza delle misure vigenti, sono tenute a riconfigurare la propria struttura organizzativa e la gestione delle prestazioni lavorative per assicurare la tutela della salute de