Il valore del trainer "giusto"

Trainer con cliente
Autore: 
Redazione
Martedì, Agosto 28, 2018
Un recente studio condotto da Mindbody, società californiana specializzata nella realizzazione di software gestionali nel settore fitness e wellness, mette a fuoco le qualità dei trainer maggiormente apprezzate dai clienti, dunque strategiche per il club

Il 34 per cento delle persone che frequentano un fitness club principalmente per allenarsi con i pesi  è la fascia di utenza che reputa maggiormente importanti le competenze degli istruttori circa il fitness. Solo il 20 per cento delle persone che svolgono regolarmente esercizio fisico in palestra ritengono che avere l'istruttore "giusto" sia il fattore più importante per rispettare il proprio programma d'allenamento, ma appena il 4 per cento dei frequentatori fa sapere di aver trovato l'istruttore dei propri sogni.

Le capacità dell'istruttore maggiormente apprezzare dagli iscritti variano a seconda della preferenza soggettiva circa il metodo d'allenamento principalmente adottato. Le persone che svolgono HIIT (High Intensity Interval Training), ad esempio, reputano la capacità dell'istruttore di spingere l'assistito ad allenarsi duramente la qualità più importante. Coloro che frequentano un club principalmente per frequentare lezioni di yoga considerano invece la pazienza la qualità più importante dell'istruttore.

Questi dati interessanti emergono da un recente studio che Mindbody - società californiana specializzata nella realizzazione di software gestionali per il settore fitness e wellness - ha relizzato interpellando i soci dei club e delle boutique che utilizzano la sua piattaforma.

«I dati che abbiamo raccolto - ha detto Charlotte Newton, senior marketing manager EMEA di Mindbody - ci dicono che l'istruttore giusto, in grado di soddisfare i bisogni del cliente, contribuisce realmente a sostenere il tasso di frequenza e, di conseguenza, la fidelizzazione, molto importante per gli operatori. I trainer dovrebbero essere coerenti con il marchio del club e i valori aziendali per contribuire alla costruzione di una vera e propria comunità. Ci dicono inoltre che un numero crescente di persone predilige il pagamento a consumo alla formula dell'abbonamento per le attività di gruppo e il personal training. Una sfida - ha concluso Newton - e al tempo stesso un'opportunità per gli operatori del settore».

Lo studio condotto da Mindbody ha consentito di individuare le cinque qualità più importanti di un istruttore per i clienti del club:

  • 1. ha una personalità amichevole (27 per cento);
  • 2. ha un'approfondita conoscenza del settore (22 per cento);
  • 3. è altamente qualificato (14 per cento);
  • 4. è paziente (12 per cento);
  • 5. ha un atteggiamento positivo (10 per cento).

 

Share

LEGGI ANCHE

Trainer al lavoro

Alcune organizzazioni sportive – enti di promozione sportiva e Federazioni –  hanno sottoscritto, lo scorso 12 luglio, un Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro con una confederazione sindacale all’interno del quale spicca il riconoscimento, come prestazione lavorativa, d

Tanti nuovi articoli, tutti da non perdere, inseriti in una veste grafica completamente rinnovata, pensata per rendere ancor più gradevole la lettura della rivista.

Smartwatch

I fitness tracker, ovvero i dispositivi indossabili che monitorano l'attività fisica, costituiscono un mercato in forte crescita.

Protezione dati

La nuova norma europea sulla privacy, ovvero il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (sinteticamente GDPR) è entrato in vigore il 25 maggio 2018 in tutti i paesi dell’Unione Europea.

Donna in sauna

Compresa tra le 23 iniziative del Global Wellness Institute, l’obiettivo della Hydrothermal Initiative è educare i consumatori e i professionisti circa i benefici per la salute e la corretta pianificazione di tutte le esperienze idrotermali, dall

Peloton Bike

Peloton – la startup newyorkese fondata nel 2012 e divenuta in pochi anni un gigante dell’indoor cycling in versione home fitness, valutata qualcosa come 4,5 miliardi di dollari – ha annunci