Italiani campioni di spesa per sana alimentazione e cura del corpo

Autore: 
A cura della Redazione
Lunedì, Luglio 29, 2019
Philips presenta il primo Rapporto sull’Economia del Benessere: il paniere di spesa degli italiani ammonta a 43 miliardi di euro.

Nel 2018 gli italiani hanno speso 17,5 miliardi per la sana alimentazione, mentre 10,2 miliardi sono stati destinati alla cura del corpo e 8,6 miliardi all’attività fisica. Gli italiani destinano all’acquisto di prodotti e servizi per il benessere un totale di 43 miliardi di Euro, per un importo pro-capite di circa 1.300 Euro all’anno. È quanto emerge dal primo Rapporto sull’Economia del Benessere1 di Philips. Si tratta di una indagine, realizzata da DOXA su un campione di 4.000 persone di età compresa tra i 18 e i 64 anni in 10 regioni d’Italia, che accende i riflettori sugli stili di vita e le abitudini di consumo degli italiani per la corretta alimentazione, l’attività fisica, la cura del corpo, dello stress e del sonno.

“L’impegno quotidiano di Philips, azienda leader nel settore dell’Health Technology – spiega Simona Comandè, General Manager Philips Italia, Israele e Grecia -, è quello di rendere migliore la vita delle persone mediante innovazioni tecnologiche significative. Il concetto di Continuum of Care sintetizza bene l’obiettivo dell’Azienda di supportare la domanda di salute delle persone a partire dallo stile di vita sano e dalla prevenzione. Per queste ragioni Philips ha deciso di promuovere un monitoraggio ad ampio spettro – di cui oggi presentiamo la prima edizione – delle abitudini e dei pattern comportamentali adottati dagli italiani nella ricerca del proprio benessere psico-fisico, utilizzandoli quali punto di partenza concreto per sensibilizzare l’opinione pubblica su stili di vita consapevoli”.

Principali risultati
La spesa complessiva italiana 2018* è di 43 miliardi di Euro per un importo pro-capite di circa 1.300 Euro all’anno.

In buono stato di salute
L’autovalutazione complessiva in risposta alla domanda: “Come valuteresti il tuo stato di salute?” indica che per l’81% degli italiani i risultati sono positivi. E questo benessere è anche esito di un monitoraggio sanitario significativo.

Sana alimentazione
Gli italiani spendono molto per la sana alimentazione, più del 40% del totale per 17,5 miliardi di Euro complessivi.  Una buona parte, 7 miliardi di Euro, vengono destinati a prodotti per diete e regimi alimentari specifici. Dalla ricerca emerge che sono soprattutto le donne sotto i 35 anni a prestare attenzione agli stili alimentari, consultando dietologi e nutrizionisti e selezionando prodotti alimentari di qualità.

Questa attenzione al benessere arriva anche in cucina: 3,7 miliardi di Euro sono destinati all’acquisto di piccoli elettrodomestici per preparare cibi sempre più sani con frullatori e robot. Un’altra quota importante della spesa, 3,4 miliardi di Euro, riguarda i prodotti per integrare l’alimentazione (prodotti erboristici, integratori, probiotici), acquistati da 29,5 milioni di persone.

Cura del corpo
Anche questa ricerca conferma la tradizionale attenzione degli intervistati per la propria immagine, che, per la cura del corpo, arrivano a spendere 10,2 miliardi di Euro [1]. Gli individui più interessati sono uomini e donne tra i 18 e i 34 anni. Ad assorbire le maggiori risorse in questo ambito sono i trattamenti in centri estetici, frequentati da quasi 19 milioni di persone (il 55% degli intervistati) per una spesa complessiva di 7,67 miliardi di Euro. Segue l’acquisto di strumenti per la cura del corpo, che nel 2018 ha interessato circa 14 milioni di individui.

Attività fisica e sport
Gli italiani sono tutt’altro che sedentari. Il valore della spesa destinata all’attività fisica, praticata dal 78% dell’ampio campione intervistato, ammonta a 8,6 miliardi di Euro. Per l’iscrizione a palestre, piscine e corsi vengono spesi 3,5 miliardi di euro, a cui si aggiungono 2,4 miliardi per l’acquisto di abbigliamento e attrezzature sportive - un’abitudine di consumo che accomuna quasi 20 milioni di italiani. Si colgono poi interessanti evoluzioni tecnologiche: gli italiani destinano 902 milioni di Euro all’acquisto di app, software e strumenti tecnologici a supporto dell’attività sportiva.

Gestione dello stress
Il recupero dell’equilibrio psico-fisico sta diventando una esigenza sempre più espressa, data la quota crescente di stile di vita frenetico a cui gli italiani si sentono sottoposti; 1 su 3 dichiara di soffrirne spesso. La gestione dello stress assorbe infatti quasi 4,9 miliardi di euro. Il 66% degli italiani cerca rimedio acquistando prodotti per una spesa totale di 1,8 miliardi Euro. Inoltre, 6,6 milioni di italiani frequentano terme, spa e centri benessere, per una spesa totale di 1,78 miliardi di Euro, mentre 744 milioni di Euro sono destinati al ricorso a specialisti.

Sonno
Per curare l’insonnia e più in generale il sonno inquieto, sintomo che suona come campanello d’allarme per patologie come l’apnea del sonno e che interessa il 33% degli intervistati, gli italiani spendono 1,8 miliardi di Euro. Infatti, il 50% del campione utilizza rimedi tra cui tisane, prodotti erboristici, farmaci, integratori alimentari, prodotti omeopatici e fitoterapici. Seguono l’acquisto di strumenti per migliorare la qualità del sonno e il ricorso a specialisti, che assorbono rispettivamente 493 milioni di Euro e 354 milioni di Euro.

Share

LEGGI ANCHE

Fitness club

La norma volontaria UNI-EN 17229:2019, pu

Trainer al lavoro

Alcune organizzazioni sportive – enti di promozione sportiva e Federazioni –  hanno sottoscritto, lo scorso 12 luglio, un Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro con una confederazione sindacale all’interno del quale spicca il riconoscimento, come prestazione lavorativa, d

Tanti nuovi articoli, tutti da non perdere, inseriti in una veste grafica completamente rinnovata, pensata per rendere ancor più gradevole la lettura della rivista.

Smartwatch

I fitness tracker, ovvero i dispositivi indossabili che monitorano l'attività fisica, costituiscono un mercato in forte crescita.

Protezione dati

La nuova norma europea sulla privacy, ovvero il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (sinteticamente GDPR) è entrato in vigore il 25 maggio 2018 in tutti i paesi dell’Unione Europea.

Donna in sauna

Compresa tra le 23 iniziative del Global Wellness Institute, l’obiettivo della Hydrothermal Initiative è educare i consumatori e i professionisti circa i benefici per la salute e la corretta pianificazione di tutte le esperienze idrotermali, dall