La palestra dei sogni? È aperta 24 ore su 24, 7 giorni su 7

Palestra flessibile
Autore: 
Redazione
Giovedì, Giugno 14, 2018
Aperta 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In una parola: flessibile. È questa la palestra del futuro, o per meglio dire, del presente.

Aperta 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In una parola: flessibile. È questa la palestra del futuro, o per meglio dire, del presente. Se fino a qualche anno fa, infatti, era impensabile pretendere che un’attività, che fosse un supermercato o, appunto, una palestra, fosse aperta non stop, oggi è questo che chiede il pubblico: una disponibilità totale, una flessibilità a 360 gradi, la soluzione migliore per poter conciliare l’allenamento – e perciò il tempo dedicato a sé stessi – con il lavoro e la famiglia. Una domanda, questa sottoposta al mercato, in linea con i ritmi di vita imposti dalla società contemporanea, fatta di orari fluidi e sempre più lunghi, di pause irregolari e brevi nel tempo e, in generale, di un nuovo modo di affrontare la giornata.

Uno studio recente effettuato da Barclays in Inghilterra, infatti, dimostra che il tempo libero è in qualche modo slittato rispetto al passato: un quarto delle persone che lavorano preferirebbe andare al museo la sera (tra le 18:00 e le 23:00), ad esempio, più di una persona su dieci (il 13%) sceglierebbe di andare al cinema in tarda serata (11: 00-5: 00), e quasi uno su cinque (19%) ordinerebbe un take-away dopo l'orario di chiusura (23:00 - 05:00). Se rispondesse a queste mutevoli esigenze, ad esempio, il settore dell'ospitalità britannica potrebbe beneficiare di 6,75 miliardi di sterline in più all'anno in termini di entrate. Per quanto riguarda la Gran Bretagna, le palestre e le società sportive sono state tra le prime attività ad adattarsi rapidamente, con quasi un quinto (18%) degli operatori del settore che si sono attivati per cambiare i loro orari di apertura.

 

Palestra flessibile

 

E lo stesso sta accadendo all’estero. Tanto che oggi sono molte le palestre e i club, anche in Italia, che hanno deciso di andare incontro a questa esigenza, offrendo orari di apertura al pubblico sempre più dilatati – a volte, appunto, h24 7su7 – pensati per incontrare le necessità dei frequentatori più abitudinari, ma anche di coloro che hanno tabelle sregolate e per non rinunciare a un po’ di fitness sono disposte ad allenarsi anche la notte.

In un mercato competitivo quanto quello del fitness, del resto, l'evoluzione è fondamentale per rimanere in affari. Il lato positivo è che esistono diverse soluzioni per prolungare gli orari di apertura senza incidere in maniera schiacciante sul budget. Ad esempio, la tecnologia può ridurre la necessità di una forza lavoro attiva 24 ore su 24 e rendere i servizi più accessibili. Sempre nel Regno Unito, secondo la ricerca di Barclays, ad esempio, il 27% delle aziende del settore accoglienza e benessere, fitness club compresi, si è già attivata per un upgrade tecnologico, proprio allo scopo di rendersi più appetibile per questa mutevole clientela. Per quanto riguarda le palestre, le società sportive e gli hotel, ad esempio, 1 lavoratore su 5 (19%) sarebbe più propenso a utilizzare un servizio se questo prevedesse una procedura di check-in / check-out automatica. Ciò suggerisce che le persone sono più inclini a utilizzare i servizi se sanno che saranno disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

 

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Logo CONI

L'ultima bozza della Legge di Bilancio indica che il mondo dello sport potrebbe subire un importante cambiamento con la scomparsa di CONI Servizi SpA che verrebbe sostituito dalla nuova società Sport e Salute SpA.

Nuotatrice

Uno studio condotto negli Stati Uniti, intitolato CARDIA (Coronary Artery Risk Development in Young Adult Study, letteralmente Studio sullo sviluppo dei rischi per le arterie coronarie nei giovani adulti) ha osservato un campione composto da circa 3.200

Fitness tracker

Il settore del fitness potrebbe presto essere scosso da una grande novità, se le voci sull'imminente realizzazione da parte di Google di un coach che sfrutta l'intelligenza artificiale sono fondate.

Group fitness

L'Organizzazione Mondiale della Sanità, in risposta alla richiesta dei governi di linee guida aggiornate in merito a politiche efficaci per favorire una maggiore diffusione dell’attività fisica in tutta la popolazione, in special modo tra le fasce più sedentarie

Cassazione piscine

Nel settore delle piscine a uso pubblico, l’estate 2018 si è conclusa portando con sé un drammatico carico di incidenti.

Campo sportivo sintetico

L'Ufficio per lo Sport, lo scorso 24 settembre, ha pubblicato l'avviso che annuncia ufficialmente l'apertura della seconda finestra utile a presentare le domande per usufruire dello Sport Bonus