Le novità introdotte dal "decreto dignità"

Campo da gioco polifunzionale
Autore: 
Guido Martinelli
Giovedì, Luglio 19, 2018
La nuova normativa introdotta dal Governo abroga alcune importanti novità introdotte dalla recente riforma dello sport inserita nell'ultima Legge di Bilancio

L’articolo 13 del decreto n. 87/18, meglio noto tra i mass media come "decreto dignità", ha abrogato i commi della legge 205/17 che istituivano la nuova figura della società sportiva dilettantistica lucrativa (fattispecie che, di fatto, non era mai partita in quanto il Coni non ne aveva ancora deliberato la disciplina applicativa del riconoscimento ai fini sportivi) e la qualificazione quali collaborazione coordinata e continuativa dei compensi sportivi, sia se erogati da associazioni e società sportive non lucrative sia da società lucrative.

Viene fatto salvo l’incremento a 10.000 euro annui dei compensi erogati a tale titolo non soggetti a ritenuta. Questo porta, di conseguenza, all’abrogazione della estensione alle lucrative della deroga prevista per le non lucrative in merito all’obbligo dell'applicazione delle norme di lavoro subordinato in presenza di collaborazioni organizzate dal committente per quanto riguarda i tempi e i luoghi di lavoro previste dall’art. 2 comma 1 del jobs act e alla soppressione della possibilità di applicare l’aliquota iva del 10% sui servizi sportivi da parte delle lucrative.

Si ripristina il testo originario dei commi 24, 25 e 26 dell’art. 90 della legge 289/02 in merito all’affidamento nella gestione di impianti sportivi pubblici  a causa dell’abrogazione di ogni riferimento alla lucrativa. Infine, nota sicuramente positiva del provvedimento, viene istituito un fondo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministrida destinare ad interventi in favore delle società sportive dilettantistiche” con le risorse reperite mediante le maggiori entrate e le minori spese derivanti dai contenuti dei primi tre commi della norma.

Rimangono infine in vigore le norme sulla ripartizione dei diritti sportivi del calcio, sull’istituzione del registro degli agenti sportivi, sul fondo sport e periferie, sullo sport bonus e sui contributi previdenziali degli atleti professionisti.

Share

LEGGI ANCHE

Esercizi a corpo libero

Quattro triliardi di dollari, corrispondenti a 3,6 triliardi di euro, Tanto vale, a livello globale, l’economia del benessere, o wellness che dir si voglia, inteso come cura della persona a trecentosessanta gradi, dal fitness alla salute

Mappamondo Europa

La quinta edizione dello European Health & Fitness Market Report, l'approfondito resoconto dello studio condotto annualmente da EuropeActive e Deloitte, è una dettagliata e utile fotografia del mercato europeo del fitness, del benessere e del

Premiazione Club Award 2017

 

Logo CONI

L'ultima bozza della Legge di Bilancio indica che il mondo dello sport potrebbe subire un importante cambiamento con la scomparsa di CONI Servizi SpA che verrebbe sostituito dalla nuova società Sport e Salute SpA.

Nuotatrice

Uno studio condotto negli Stati Uniti, intitolato CARDIA (Coronary Artery Risk Development in Young Adult Study, letteralmente Studio sullo sviluppo dei rischi per le arterie coronarie nei giovani adulti) ha osservato un campione composto da circa 3.200

Fitness tracker

Il settore del fitness potrebbe presto essere scosso da una grande novità, se le voci sull'imminente realizzazione da parte di Google di un coach che sfrutta l'intelligenza artificiale sono fondate.