Marche: terra di benessere e Regione “anti-stress”

Ragazza felice nel verde
Autore: 
A cura della Redazione
Martedì, Novembre 14, 2023
“Iniziative finalizzate alla valorizzazione delle Marche come terra del benessere e della qualità della vita” è il titolo della proposta di legge il cui fine è la promozione di uno sviluppo armonico e sostenibile dell'essere umano. Potrebbe essere un primo importante passo verso un futuro migliore e denso di opportunità.

“Iniziative finalizzate alla valorizzazione delle Marche come terra del benessere e della qualità della vita” è il titolo della proposta di legge promossa dall'assessore all'agricoltura della Regione Marche Andrea Maria Antonini, basata sulla strategia europea “From farm to fork” e sul piano d'azione europeo “One health” che incoraggiano uno sviluppo armonico e sostenibile dell'essere umano, della natura e dell'ambiente, promuovendo stili di vita sani e consapevoli.

La proposta di legge punta a un approccio interdisciplinare, coinvolgendo diversi settori tra cui l'alimentazione, la filiera agroalimentare, la salute, il welfare, l'industria, l'ambiente, il turismo, la cultura, lo sport, l'istruzione e la formazione.

«L'obiettivo – ha spiegato l'assessore Antonini nel corso di una recente conferenza stampa – è certificare le Marche come regione anti-stress, dove si vive bene e a lungo, favorendo l'educazione alimentare attraverso la prevenzione nel campo sanitario. Un benessere che sia fisico sia psicologico, guardando alla sostenibilità ambientale e alla biodiversità».

Per presentare la proposta di legge sono stati fissati cinque appuntamenti, uno per ogni provincia delle Marche. Il primo convegno, intitolato “I sani stili di vita a tavola e la salute in cammino” e si è svolto lo scorso 26 ottobre nella Sala Vittoria della Pinacoteca di Ascoli Piceno. Sono intervenuti l'assessore Antonini, David Mariani, direttore di Healthy Habits Academy e membro dell'Accademia dei Georgofili, nonché promotore della stessa legge, Mauro Mario Mariani, medico chirurgo e specialista in angiologia, e Ubaldo Sabbatini, presidente ASD Gruppo Podistico Avis Spinetoli-Pagliare. Il convegno si è quindi tenuto il 23 novembre a Falconara e il 13 dicembre a Camerino.

«Questa legge – ha detto Antonini – vuole anche essere un passo in avanti importante sotto il profilo turistico. Possiamo imporci a livello internazionale come “Marche Regione di Benessere”. È questo il messaggio che dobbiamo veicolare e in questo ci aiuterà l'AMAP con la quale stiamo collaborando anche nell’ambito della nutraceutica e della biodiversità». L'Agenzia Marche Agricoltura Pesca (AMAP) sarà partner nello sviluppo di questa proposta. «Su questa scacchiera progettuale – ha spiegato il presidente AMAP Marco Rotoni – Amap vuole essere un alfiere accanto alla Regione. Il nostro ruolo di custode delle qualità agrarie, forestali e ittiche del territorio ce lo impone. Starà a noi veicolare e promuovere progetti di filiera in cui contestualizzare i nostri prodotti negli ambienti unici che li caratterizzano: dai parchi alle riserve naturali, passando per le vallate per arrivare alle coste. In questo percorso, suggestivo e immersivo, dovremmo essere in grado di coinvolgere le nostre migliori energie e risorse umane: dagli istituiti agrari a quelli alberghieri, dalle università ai produttori in un lavoro di sintesi vivace ed innovativo». Importante anche la biodiversità con la boscoterapia che potrebbe rappresentare una grande attrattiva turistica». «Saranno coinvolti soggetti pubblici e privati – ha spiegato la dirigente del settore agricoltura Francesca Severini –, come ad esempio università, istituti scolastici, categorie produttive ed enti di formazione, definendo, successivamente, una ‘Rete Regionale per la valorizzazione delle Marche come terra del benessere e della qualità della vita’. Coinvolgeremo più settori, compresi quelli della cultura, del turismo, dello sport e del tempo libero». Saranno, inoltre, promosse “Giornate del benessere e della qualità della vita” per sensibilizzare la popolazione e coinvolgere attivamente i cittadini su questi temi. «I monumenti, le bellezze architettoniche e i paesaggi da sogno – ha concluso Antonini – ci sono in tutta Italia. Oggi il turista torna dove si è trovato bene e, con questa legge, puntiamo a far sì che quel posto siano le Marche».

Come scrive David Mariani nel blog Healthy Habits, “questa proposta di legge, votata all’unanimità lo scoro 31 luglio dalla giunta regionale delle Marche, inquadra lo sviluppo economico sociale e turistico attraverso una lente diversa, quella della qualità della vita dei cittadini ed il mantenimento degli equilibri con gli ecosistemi. È la prima volta che l’indicatore di riferimento per lo sviluppo non è solo il PIL, bensì un insieme di fattori tra cui il benessere ambientale, il benessere umano e la sostenibilità. La parola chiave del futuro sarà: abitudini, per questo nella legge viene offerto alle istituzioni, alle aziende e alla popolazione uno strumento concreto per poterle valutare ed eventualmente correggerle, nel caso in cui la traiettoria delle stesse fosse negativa. La storia ci insegna che da un esempio può scaturire un grande cambiamento; per questo noi siamo orgogliosi di aver disegnato un progetto di legge innovativo, che punta a un progresso realmente sostenibile e fatto di tante piccole Healthy Habits”.

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Anziana con manubri in palestra

La commissione Sanità della Regione Toscana ha licenziat

Tower Bridge Londra

Dal gennaio del 2022 al dicembre del 2023, gli operatori

Insegna Anytime Fitness e palloncini
Campo da volley outdoor in periferia

Alla recente audizione alla

RiminiWellness 2023

RiminiWellness

Bambini su campo da basket

Partendo dal presupposto che la salute e l’istruzione