Obbligo defibrillatori:ufficiale la proroga di sei mesi

Elettrocardiogramma
Autore: 
Redazione
Mercoledì, Gennaio 20, 2016
L’obbligo per le società sportive dilettantistiche e amatoriali di dotarsi di defibrillatore semiautomatico e di formare il personale abilitato al suo utilizzo, fissato dal cosiddetto “Decreto Balduzzi” per il 20 gennaio 2016, è stato ufficialmente procrastinando di 6 mesi con decreto ministeriale

L’entrata in vigore dell’obbligo, per le società sportive dilettantistiche e amatoriali, di dotarsi di defibrillatore semiautomatico e al contempo formare il personale abilitato al suo utilizzo, fissato dal cosiddetto “Decreto Balduzzi” per il 20 gennaio 2016, è stato procrastinando di 6 mesi dal decreto dell’11 gennaio 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 18 gennaio.

Il provvedimento modifica il decreto 24 aprile 2013 “Disciplina della certificazione dell'attività sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l'utilizzo di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri dispositivi salvavita”, fissando il nuovo termine al 20 luglio 2016.

Le ultime settimane sono state caratterizzate da un acceso dibattito tra coloro che sostenevano con convinzione la necessità di un rinvio motivato dal numero troppo esiguo di società e associazioni sportive in regola all'approssimarsi della scadenza e coloro che, invece, reputavano che il ruolo salvavita di questi dispositivi avesse la precedenza su tutto.

Con una nota datata 2 novembre 2015, il Presidente del CONI aveva chiesto al Ministero competente il differimento del termine e una richiesta simile era stata presentata, il 5 gennaio 2016, dall'Assessore del Friuli Venezia Giulia. Evidentemente i due appelli hanno convinto il Ministro circa l'impossibilità che entro il 20 gennaio le attività di formazione rivolte agli operatori del settore sportivo dilettantistico, riguardanti il corretto utilizzo dei defibrillatori semiautomatici, fossero portate a termine.

Il Decreto Balduzzi è dunque stato modificato all'articolo 5, comma 5. Per l’esattezza, il periodo di “30 mesi” è stato sostituito con “36 mesi”, concedendo alle società e alle associazioni sportive dilettantistiche altri 6 mesi per mettersi in regola.

Share

LEGGI ANCHE

Edoardo Cognonato

Organizzata da Editrice Il Campo sotto l'egida della rivista

COVID-19

L’emergenza Coronavirus ha effetti importanti anche sulle imprese che, in ottemperanza delle misure vigenti, sono tenute a riconfigurare la propria struttura organizzativa e la gestione delle prestazioni lavorative per assicurare la tutela della salute de

Centro sportivo

Nonostante difficile situazione attuale, le iniziative a tasso zero a sostegno dell’impiantistica sportiva degli Enti Territoriali sono ripartite a pieno regime.

Bambino con i gunatoni

Questa pandemia ha mostrato, con drammatica evidenza, l'importanza assoluta della salute, un bene senza il quale tutto il resto perde valore e significato.

Palestra

Finalmente è  stato pubblicato l’atteso decreto dell'Ufficio per lo sport che rende accessibile il Fondo destinato agli interventi a favore delle associazioni sportive e delle società sportive dilettantistiche.

Luca Florentino

Anche la comunicazione deve cambiare registro nell’era post Covid-19, specialmente guardando oltre la stagione estiva, alla vera ripartenza di settembre.