Obesità infantile: record negativo in Sicilia

Bambino obeso
Autore: 
Redazione
Giovedì, Dicembre 12, 2019
Il tasso più alto di obesità e sovrappeso infantile si registra tra i bambini siciliani. IBDO, Italian Obesity Barometer Observatory lancia l’allarme.

L’obesità è una patologia sempre più diffusa fra gli italiani, sebbene nel nostro Paese non venga ancora considerata una malattia vera e propria e, dunque, spesso sottovalutata. Si tratta dello stadio successivo, cronico e recidivante, caratterizzato dal prolungato stato di sovrappeso, causato prevalentemente da una scorretta e ipercalorica alimentazione combinata a una insufficiente attività motoria. Tra le cause, figurano anche fattori genetici, biologici e ambientali. L’obesità, com’è noto, costituisce un forte fattore di rischio per l’insorgenza di malattie cronico-degenerative, soprattutto se il sovrappeso si manifesta già dall’infanzia.

Secondo il primo Italian Obesity Barometer Report, coordinato da Paolo Sbraccia, Vice Presidente IBDO Foundation e Professore Ordinario di Medicina Interna all’Università di Roma Tor Vergata, i dati sono piuttosto allarmanti: ben 24 milioni e 700mila italiani sono in sovrappeso, dei quali il 46% adulti e il 24,2% bambini e adolescenti (dunque 1 individuo su 4). Una patologia cronica distribuita in modo piuttosto omogeneo tra i generi (il tasso di obesità negli uomini è pari al 11,8%; tra le donne raggiunge il 9,4%) mentre la distribuzione è piuttosto eterogenea a livello territoriale. L’analisi ha mostrato una maggiore incidenza nel Meridione e in Sicilia. E il divario tra Nord e Sud interessa anche la sedentarietà.

La Sicilia, in particolare, è la regione in cui si registra il tasso più alto di obesità e diabete, soprattutto tra i bambini. Ad essere interessati sono specialmente i giovani con una scarsa scolarizzazione o con genitori senza titolo di studio. Il contesto familiare, tanto quanto il livello di istruzione, sembrerebbero dunque influenzare le abitudini alimentari e il tasso di sedentarietà dei giovanissimi: la percentuale di obesi con genitori con elevato titolo di studio sono il 18,5%, contro il 29,5% con genitori con un livello di scolarizzazione inferiore. “Possiamo ormai considerare l’obesità un’emergenza sanitaria, con serie conseguenze per gli individui e la società in termini di riduzione sia dell’aspettativa sia della qualità della vita, e notevoli ricadute economiche, anche considerando le notevoli malattie associate all’obesità (diabete di tipo 2, ipertensione, dislipidemie, malattie cardiache e osteoarticolari, eccetera)” ha commentato Renato Lauro, Presidente IBDO Foundation.

Share

LEGGI ANCHE

Digital fitness

Il rapporto sui trend previsti per il 2021 nel settore fitnes

Particolare copertina videocorsi

Il catalogo di videocorsi realiz

Ragazza in palestra con mascherina

Il Dipartimento per lo sport della Pres

Joystick videogame

È stata inaugurata lo scorso19 maggio,

Mario Draghi

Nella serata di lunedì 17 maggio, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgent

Gregorio Paltrinieri durante l'intervista

Dopo aver trionfato agli Europei di nuoto di Budapest, conquistando l’oro nella 5 e nella 10 chilometri e trascinando la compagine azzurra alla vittoria anche nella prova a squadre (insieme a Rachele Bruni, Giulia Gabbrielleschi e Domenic