Piattaforma TV Fitprime: la riposta digitale all'emergenza

Fitprime TV
Martedì, Aprile 14, 2020
La start-up italiana nota per la app che dà accesso a 1.300 fitness club e centri sportivi, ha risposto all'emergenza Coronavirus ideando la soluzione virtuale che consente a tutti i suoi utenti di allenarsi a casa propria seguendo le lezioni proposte dalla nuova piattaforma TV Fitprime.

Fondata nel 2016 da quattro giovanissimi imprenditori, la startup italiana Fitprime, nota per la app che dà accesso a 1.300 fitness club e centri sportivi, ha risposto all'emergenza Coronavirus reinventando il proprio business, ovvero ideando la soluzione virtuale che consente a tutti i suoi utenti di allenarsi a casa propria, seguendo le lezioni proposte dalla nuova piattaforma TV Fit Prime, lanciata il 31 marzo scorso e accessibile gratuitamente fino al termine dell’emergenza.

«Fitprime – ha detto Matteo Musa, ceo e co-fondatore della startup – ha sentito l’esigenza di fare qualcosa in più per aiutare le persone in questo momento così delicato e lo scopo del portale è accompagnare le persone nella loro nuova quotidianità e aiutarle a mantenere uno stile di vita sano e attivo, a beneficio della salute non solo fisica, ma anche e soprattutto mentale. Come ben sappiamo, lo sport è uno dei principali mezzi per diminuire lo stress, controllare le tensioni e rilassarsi».

La piattaforma propone diverse tipologie d'allenamento, tra le quali figurano tonificazione, yoga, meditazione, Pilates e HIIT, così come sfide a obiettivi da condividere con amici e familiari.

Gianluca Mozzillo, cto e co-fondatore di questa dinamica startup italiana ha detto che «chiunque abbia già un account Fitprime può accedere alla piattaforma inserendo le proprie credenziali sul nuovo portale». Chi invece non ha un account può registrarsi velocemente e accedere alle video-lezioni. «Tutto questo – ha aggiunto Mozzillo – è possibile grazie allo straordinario impegno messo in campo, rigorosamente in smart-working, dai nostri sviluppatori, capaci in pochissimi giorni di rendere disponibile la versione beta del software».

Share

LEGGI ANCHE