Riforma del lavoro sportivo, via alle consultazioni

Istruttore in palestra
Autore: 
A cura della Redazione
Martedì, Giugno 22, 2021
Inizia oggi la consultazione pubblica rivolta a tutti i portatori di interesse del mondo sportivo, volta a raccogliere osservazioni, commenti, informazioni e documenti utili a una riflessione condivisa sul tema del lavoro sportivo.

La consultazione pubblica rivolta a tutti i portatori di interesse del mondo sportivo (CONI, Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate, Enti di promozione sportiva, Gruppi militari e Corpi civili dello Stato, Associazioni benemerite, CIP e organismi da esso riconosciuti ecc.) inizia oggi per raccogliere osservazioni, commenti, informazioni e documenti utili a una riflessione condivisa sul lavoro sportivo. L’istituzione di un tavolo tecnico, composto da soggetti qualificati, consentirà una sintesi dei contributi pervenuti.

Per 75 giorni a partire da oggi sarà possibile inviare all’indirizzo e-mail lavorosportivo@governo.it il proprio contributo. Ulteriori informazioni possono essere reperite nel documento che avvia il procedimento di consultazione pubblica riportato qui di seguito.

 

Obiettivi della consultazione

La consultazione pubblica vuole comprendere e analizzare i potenziali effetti che genererebbe la riforma di cui al Titolo V del decreto legislativo 28 febbraio 2021, n. 36.

Più nel dettaglio, l’obiettivo della consultazione delle parti interessate è quello di ottenere commenti, osservazioni, elementi di informazione e documentazione relative agli effetti dell’entrata in vigore della citata riforma e proposte d’intervento correttivo. In particolare, gli interventi dovranno essere relativi a:

  • possibili effetti non previsti della Riforma;
  • proposte emendative o integrative del Titolo V del d.lgs 36/2021, con riferimento a:
    • disciplina del rapporto di lavoro subordinato sportivo;
    • rapporto di lavoro sportivo nei settori professionistici;
    • prestazioni sportive amatoriali;
    • formazione dei giovani atleti;
    • abolizione del vincolo sportivo e premio di formazione tecnica;
    • controlli sanitari dei lavoratori sportivi;
    • sicurezza dei lavoratori sportivi e dei minori;
    • assicurazione contro gli infortuni;
    • trattamento pensionistico e tributario;
    • rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo-gestionale;
    • settori professionistici e dilettantistici.

I risultati della consultazione troveranno impiego su tre piani: sul piano legislativo, contribuendo, anzitutto, a un’eventuale migliore definizione delle norme contenute nel d. lgs 36/2021; sul piano amministrativo, prospettando le linee di un nuovo modello di ascolto degli stakeholders in sede di elaborazione della normativa; sul piano culturale, infine, fornendo informazioni, proponendo riflessioni ed elementi tecnici che possano contribuire al dibattito pubblico e al lavoro del legislatore. L’esito della consultazione, comunque, non sarà vincolante per le scelte di policy che verranno successivamente prese.

Per maggiori informazioni:

PROCEDIMENTO DI CONSULTAZIONE PUBBLICA

DECRETO LEGISLATIVO 28 FEBBRAIO 2021

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Praticare regolarmente attività fisica fa bene a ogni età: aiuta a sentirsi meglio riducendo lo stress, tonificando i muscoli e aiutando il sonno notturno.

Medico con dollari in mano

In Italia, la sedentarietà

Locandina ForumPiscine 2023

L’appuntamento dell’anno per il comparto della piscina è alle porte: la 14^ edizione di ForumPiscine va in scena alla Fiera di Bologna

Donna fa esercizio per addominali

A livello globale, meno del 50% dei Paesi ha una politica nazionale per l’attività fisica e meno del 40% di queste politiche è operativo.

Bambino in palastra

La campagna social “La salute si costruisce da piccoli”, rivo

ForumPiscine Expo 2022