HRBIT, l'interval training con frequenza cardiaca sotto controllo

Dean Conn
Autore: 
Redazione
Martedì, Ottobre 17, 2017
Proposto dalla grande catena statunitense Orange Theory Fitness, questa tipologia d'allenamento alterna fasi ad alta intensità a brevi recuperi, assicurando grande efficacia anche grazie al costante monitoraggio della frequenza cardiaca

Dan Conn (in tutte e tre le foto), ex rugbista australiano diventato in seguito modello, è il nuovo ambasciatore della scienza del corpo umano. Sta infatti dando il suo importante contributo al lancio di una nuova interpretazione del fitness che sta riscuotendo grandi consensi anche in Australia. Si tratta di HRBIT, ovvero l'interval training basato sul monitoraggio della frequenza cardiaca che combina fasi d'allenamento ad alta intensità a brevi recuperi. Ciò che distingue questa nuova tipologia d'allenamento dalle altre espressioni dell'interval training è la scienza che sta alla sua base.

Dean Conn

Proposti da Orange Theory Fitness - il franchising statunitense che ha recentemente aperto il suo cinquecentesimo studio e siglato l'accordo in virtù del quale aprirà, nel corso del prossimo decennio, altre 70 boutique del fitness nel Regno Unito - gli allenamenti HRBIT sono stati creati negli Stati Uniti da un team composto da 10 esperti tra i quali figurano medici e professionisti dell'esercizio fisico. «Nel corso di ogni sessione d'allenamento - ha detto Dan Conn - i partecipanti hanno un obiettivo da rispettare: trascorrere almeno 12 minuti nella zona burn/orange, nella quale la frequenza cardiaca raggiunge un'intensità pari all'84% di quella massima teorica, prolungando fino a 36 ore, dopo il termine dell'allenamento, l'accelerazione del metabolismo e il conseguente consumo dei grassi».

Dean Conn

Conn ha inoltre aggiunto che questo protocollo scientificamente validato in passato è stato prevalentemente adottato da atleti di alto profilo non solo in virtù della sua efficacia, ma anche perché consente di capire in che modo far salire velocemente il battito cardiaco e altrettanto velocemente abbassarlo. «Ma ora - ha aggiunto - i "guerrieri del weekend" e gli appassionati di fitness che vogliono raggiungere i loro obiettivi più velocemente, anche attraverso la tecnologia applicata al monitoraggio dell'allenamento e all'analisi dei dati, sono più numerosi».

Nel corso delle lezioni di HRBIT, i partecipanti indossano il cardiofrequenzimetro e possono vedere, in tempo reale, i dati della propria frequenza cardiaca sui monitor presenti in sala, sapendo sempre in quale delle 5 zone previste si trovano.

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Palestra Pure Gym

L’edizione 2021 del Fitness Industry Preview Report, studio c

Uomo con mascherina e lavagna con scritta Closed

Il provvedimento direttoriale del 29 novembre 2021 n.

Green Pass su smartphone

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato, il 3 novembre scorso, le nuove “Linee di indirizzo sull’attività fisica - Revisione

Sponsor

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.

Spogliatoio

In merito all’ambito di applicazione delle agevolazioni previste per gli