The Mirai, il centro fitness più grande del mondo diventa digitale

The Mirai goes digital
Mercoledì, Dicembre 2, 2020
Il visionario progetto di Rainer Schaller avrebbe dovuto realizzarsi a Oberhausen, in Germania, creando il più grande centro fitness del mondo. A causa della pandemia, si trasforma in piattaforma digitale che fungerà da centro di ricerca e sviluppo dedicato a esercizio fisico e salute.

Il progetto The Mirai, ideato da Rainer Schaller, fondatore e CEO del Gruppo RSG GmbH, proprietario del network di club low cost McFIT, avrebbe dovuto concretizzarsi a Oberhausen, in Germania, realizzando il più grande centro fitness del mondo, con un chiaro obiettivo: appassionare all’esercizio fisico il maggior numero possibile di persone, diffondendo il sano stile di vita che, come dimostrato da un’infinità di studi scientifici, non può prescindere da una costante, e adeguata, attività motoria.

La pandemia, come noto, ha sospeso tutto e, ovviamente, un progetto di questa portata non fa eccezione. Anche The Mirai si adatta alle circostanze, trasformandosi in piattaforma digitale, dotata di un’area dedicata alla ricerca e allo sviluppo. La pandemia coronavirus, che ha messo di fronte a nuove grandi sfide tanto le aziende quanto le persone di tutto il mondo, ha inevitabilmente modificato i piani di The Mirai, che comunque guarda al futuro con determinazione per fissare nuovi standard. Quello che sarebbe stato il centro fitness più grande al mondo, progettato come una grande fiera visitabili 365 giorni all’anno, adatterà il suo modello di business al nuovo scenario per mettere a frutto le potenzialità di un progetto di grande portata. «La pandemia – ha detto Yüce Yücel, CEO di The Mirai – mostra in modo evidente quanto la digitalizzazione e le conoscenze scientifiche siano importanti per la salute di tutti. Il fitness proposto in formato digitale, e i dati relativi allo stato di salute, sono oggi più che mai importanti. Essendo l’innovazione una nostra priorità, siamo determinati a investire sulla ricerca e sullo sviluppo nel settore del fitness e della salute, e a gestire direttamente questa appassionante attività. Per noi – ha concluso Yücel – significa riunire tutti i player del settore in modo decentralizzato e digitale».

Come piattaforma virtuale trasversale, The Mirai – “mirai” in giapponese significa “futuro” – riunisce atleti, aziende di vari comparti, il settore fitness nel suo insieme, scienziati ed esperti di tutto il mondo, fungendo da centro di ricerca e sviluppo dell’esercizio fisico e della salute, dando vita a un vero e proprio ecosistema.

www.themirai.com

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’