Accordo Anci-Credito Sportivo: mutui agevolati ai Comuni per promuovere lo sport

Paolo D’Alessio, Piero Fassino, Giovanni Malagò e Roberto Pella
Autore: 
Redazione
Mercoledì, Luglio 20, 2016
In virtù del protocollo di intesa stipulato il 14 luglio, i Comuni italiani potranno beneficiare di mutui a tasso agevolato per incentivare la promozione dell'attività sportiva sul territorio tramite l'impiantistica di base

Piero Fassino, Presidente dell'Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), e Paolo D’Alessio, Commissario Straordinario del Credito Sportivo, lo scorso 14 luglio hanno firmato, presenza del presidente Coni Giovanni Malagò, il protocollo di intesa in virtù del quale i Comuni potranno attivare mutui a tasso agevolato per incentivare la promozione dell'attività sportiva sul territorio tramite l'impiantistica di base.

160 milioni di euro è la cifra che i Comuni avranno a disposizione per costruire, ampliare, ristrutturare, rendere efficienti dal punto di vista energetico e mettere a norma gli impianti sportivi, così come per acquisire aree e immobili destinati a strutture sportive. Un budget nel quale può rientrare la realizzazione di piste ciclabili e l'acquisto di attrezzature.

Grazie al protocollo d'intesa stipulato da Anci e Istituto per il Credito Sportivo, che avrà una durata biennale, sia le singole amministrazioni comunali sia quelle in unione potranno beneficiare di mutui a tasso zero e a tasso agevolato. Entrando più nel dettaglio, il fondo stanziato per mutui a tasso zero è pari a 60 milioni di euro: 24 milioni per interventi realizzati dai Comuni fino a 5.000 abitanti; 18 milioni per interventi nei Comuni medi (da 5.000 a 100.000 abitanti) e dalle Unioni dei Comuni; 18 milioni per i Comuni capoluogo.

 

Nella foto dell’Anci, da sinistra Paolo D’Alessio, Piero Fassino, Giovanni Malagò e Roberto Pella (vicepresidente Anci e delegato allo Sport)

 

Per maggiori informazioni: www.anci.it

 

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.