Allenarsi con la musica fa bene al cervello

Autore: 
A cura della Redazione
Domenica, Settembre 13, 2020
La musica fa bene alla mente, anche quando ci alleniamo: a sostenerlo è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Tsukuba in un articolo pubblicato sulla rivista Neuroscience.

Migliora l'umore, rafforza la motivazione e trasmette energia. In una parola: musica. Sottofondo per la quotidianità di molti italiani, giovani e meno giovani, atleti e sedentari, la musica ha un ruolo chiave anche quando ci troviamo in palestra o al parco, impegnati in un allenamento. Fare attività fisica ascoltando musica, infatti, secondo gli esperti dell'Università di Tsukuba, autori di un articolo pubblicato sulla rivista Neuroscience, può aiutare l'umore e la motivazione all'esercizio, e interviene anche sulle funzioni cerebrali.

I ricercatori hanno monitorato i parametri mentali e umorali di 33 giovani durante e dopo un workout: “Ascoltare la musica mentre si induce il corpo a bruciare calorie  può migliorare l’umore e la funzione cerebrale - spiegano -. Dunque, chi si allena con la musica nelle orecchie, tra i benefici, migliora le proprie prestazioni cognitive”.

Inoltre, il team di esperti ha sottoposto i partecipanti a un test di vitalità e uno di logica al termine delle sessioni di workout, riscontrando miglioramenti significativi all'interno del gruppo il cui allenamento era accompagnato dalla musica. "Diversi studi hanno dimostrato che lo sport incrementa l'attività nella corteccia prefrontale e dorsolaterale, regione del cervello connesse alle prestazioni esecutive. Questo studio, dunque, dimostra una correlazione diretta tra uno stato d'animo positivo indotto dall'esercizio fisico abbinato alla musica".

 

Share

LEGGI ANCHE

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in