Associazioni sportive dilettantistiche: istruzioni per la gestione

Associazioni sportive dilettantistiche: istruzioni per la gestione big
In occasione della presentazione del libro 'Sport dilettantistico: come gestirlo', avvenuta recentemente a Bologna, il discusso delle difficolltà che l'associazionismo sportivo dilettantistico sta attraversando sul fronte fiscale, previdenziale, gestionale e organizzativo

Le difficoltà che l’associazionismo sportivo dilettantistico sta attraversando, sul fronte fiscale, previdenziale e, più in generale, gestionale e organizzativo, sono state al centro dell’incontro che si è svolto venerdì 14 giugno a Bologna, dedicato alla presentazione del volume Sport dilettantistico: come gestirlo (Ipsoa), di Guido Martinelli, avvocato e docente di legislazione sportiva, e Marta Saccaro, commercialista e pubblicista de Il Sole 24 ore.

L’incontro, al quale ha partecipato anche il neo eletto presidente del Coni Emilia Romagna, Umberto Suprani, ha offerto diverse visioni e sollecitazioni sul presente e il futuro di chi gestisce attività sportive dilettantistiche, quell’attività sportiva di base e intermedia, di grande valore per la collettività, ma compressa tra politiche statali che la trascurano, quando non la penalizzano, e difficoltà gestionali acuite dall’attuale congiuntura economica.

Dopo aver sottolineato alcune delle situazioni che presentano maggiori criticità per il mondo dello sport – tra cui il finanziamento dell’agonismo, la cosiddetta legge sugli stadi, la fiscalità, tra agevolazioni ed evasione – l’avvocato Martinelli, punto di riferimento per chi opera nel settore, si è soffermato su uno dei problemi centrali dello sport dilettantistico in questo momento, quello del lavoro e del suo costo, difficilmente remunerabile con tariffe che garantiscano a tutti l’accessibilità allo sport. Del volontariato, del lavoro nero, delle sanzioni amministrative che incombono sulle società e della responsabilità personale e penale dei dirigenti si sono occupati anche altri relatori intervenuti alla presentazione.

L’avvocato Erminio Retus, presidente della Camera degli Avvocati Tributaristi, ha introdotto il concetto di “delega di funzione”, per creare sistemi di controllo interni alle società sportive dilettantistiche e una più diffusa consapevolezza tra i membri del consiglio, riducendo contemporaneamente la responsabilità dei presidenti. Su questo tema, si è soffermata la stessa Marta Saccaro, evidenziando “i diversi profili di responsabilità, troppo spesso trascurati, di chi si occupa di sport dilettantistico”, profili ampiamente trattati invece nel volume presentato.

Ripercorrendo i temi affrontati nel testo, la coautrice ha posto l’accento su alcuni aspetti tuttora in via di definizione, come il provvedimento su defibrillatori e certificati di idoneità, ancora in attesa di pubblicazione, e su nodi ancora irrisolti, come quello previdenziale del contenzioso con l’Enpals.

Guarda il servizio di Matteo Fogacci di Telecentro

http://www.telecentroodeon.com/presentato-il-volume-sport-dilettantistico-come-gestirlo-0613.html

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Corretta alimentazione ed attività fisica: la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale fornisce utili consigli ai genitori e si sofferma sul significato di attività fisica e sul perché rivesta un ruolo così importante per la sal

La ricchezza? E' sopravvalutata. Per essere felici basta fare sport.

Centro Move Different Piscine Vicenza

Piscine di Vicenza, sinteticamente PdV, ha recentemente inaugurato il suo nuovo centro medico e il centro Move Different di

Hotel Irvine

La prima edizione dell'Annual Business Convention & Expo organizzata da AFS, la statunitense Association of Fitness Studios di cui la rivista Il Nuovo Club è media partner esclusivo per l'Italia, si

Body Groove

La "Too Fat -Too Thin Syndrome", la sindrome in virtù della quale chi ne soffre si vede talmente grasso da dimagrire in modo eccessivo, e dunque non salutare, può e deve essere vinta.

Un italiano su 3 è ossessionato dallo sport

Ossessionati dalla perfezione del corpo, abituati alle diete ipocaloriche o dipendenti da integratori e anabolizzanti, oggi ben un italiano su 3 (28%) sembra essere ossessionato dallo sport. Secondo gli esperti questo avviene perché, soprattutto a livello diletta