Correre in piscina: il fitness scende in acqua

pool running
Autore: 
A cura della Redazione
Lunedì, Febbraio 4, 2019
Il pool running, già diffuso nei paesi anglosassoni, si svolge in piscina, sia appoggiando i piedi sul fondo con l’acqua all'altezza del petto, sia in acqua alta indossando un giubbotto o una cintura galleggiante.

La corsa scopre una nuova, inedita, versione acquatica: il pool running, particolarmente amato e diffuso nei paesi anglosassoni. È possibile praticarlo in piscina, sia appoggiando i piedi sul fondo con l’acqua all'altezza del petto, sia in acqua alta indossando un giubbotto o una cintura galleggiante.
Questa nuova emergente disciplina si distingue innanzitutto per intensità e completezza: coinvolge tutto il corpo che, per avanzare, deve contrastare la resistenza dell’acqua e mantenere la posizione retta. Il risultato è un dispendio calorico del 75% superiore rispetto al running terrestre. Inoltre, l'acqua neutralizza gli impatti a carico di articolazioni e colonna vertebrale, rendendo questa attività non solo intensa dal punto di vista cardio-resperatorio, ma anche sicura. Il pool running può essere svolto a diversi livelli, risultando adatta tanto agli atleti di alto livello quanto ai neofiti del fitness e alle tante persone fuori forma.

Share

LEGGI ANCHE

Vito Scavo e Samuele Frosio

Ragazza che corre

24ORE Business School parteciperà a RiminiWel

Stralcio copertina Guida Piscina 2023

Che cosa si nasconde dietro una piscina?

Group fitness in palestra

La ricerca di mercato Sport Plus, promossa da ASI, CIWAS e

Sorrento

Sibec EMEA, il principale evento one-to-one in Europa per l'industria del fitness o

Convegno ANIF a RiminiWelness

Tra le varie iniziative che