Educazione fisica e disabilità

Educazione fisica e disabilità big

di davide venturi

La Confederazione delle Associazioni Provinciali dei Diplomati Isef & Laureati in Scienze Motorie – sinteticamente CAPDI –  ha recentemente aperto la terza fase di approfondimento sulle competenze motorie, con specifico interesse al tema della valutazione. Lo ha fatto a Rimini il 18 e 19 aprile scorsi aprendo i lavori di  riflessione e ricerca sulla valutazione delle competenze e sul curricolo di educazione fisica adattato nella disabilità.

Una trentina di  docenti esperti della disciplina si sono confrontati su questa complessa tematica, formando due gruppi di lavoro. Nel corso delle due giornate sono stati riscritti gli obiettivi specifici di apprendimento e individuati gli ambiti di competenza della disciplina e definiti e formulati gli standard di apprendimento delle competenze motorie e i livelli di padronanza. È  stata inoltre avviata la riflessione e la ricerca sulla valutazione delle competenze per realizzare uno strumento che preveda anche una scheda di certificazione delle competenze stesse (uno per ogni ordine di scuola).

I due  gruppi di lavoro – uno per la scuola secondaria di primo grado e uno per quella secondaria di secondo grado – hanno lavorato alla prima stesura di una progettazione attraverso uno schema condiviso. Entrando più nello specifico, sono state individuate 6 competenze da valutare:

  1. padronanza del proprio corpo e percezioni sensoriali;
  2. coordinazione;
  3. espressività;
  4. gioco, gioco-sport e sport;
  5. salute , sicurezza e stili di vita;
  6. ambiente naturale e acquaticità.

Le riflessioni proposte dai due gruppi di lavoro diverranno la “Bozza” di discussione da parte di tutti gli insegnanti di educazione fisica d’Italia, mentre il terzo gruppo che porta avanti i lavori a Milano, ha come obiettivo l’individuazione delle tipologie di disabilità e la configurazione di un curricolo rivolto all’insegnante di educazione fisica  per la scuola secondaria di primo grado.

 Nel sito www.capdi.it verranno pubblicati i materiali di lavoro per consentire ai docenti di educazione fisica d’Italia di fare le proprie osservazioni.

Share

LEGGI ANCHE

Corretta alimentazione ed attività fisica: la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale fornisce utili consigli ai genitori e si sofferma sul significato di attività fisica e sul perché rivesta un ruolo così importante per la sal

La ricchezza? E' sopravvalutata. Per essere felici basta fare sport.

Centro Move Different Piscine Vicenza

Piscine di Vicenza, sinteticamente PdV, ha recentemente inaugurato il suo nuovo centro medico e il centro Move Different di

Hotel Irvine

La prima edizione dell'Annual Business Convention & Expo organizzata da AFS, la statunitense Association of Fitness Studios di cui la rivista Il Nuovo Club è media partner esclusivo per l'Italia, si

Body Groove

La "Too Fat -Too Thin Syndrome", la sindrome in virtù della quale chi ne soffre si vede talmente grasso da dimagrire in modo eccessivo, e dunque non salutare, può e deve essere vinta.

Un italiano su 3 è ossessionato dallo sport

Ossessionati dalla perfezione del corpo, abituati alle diete ipocaloriche o dipendenti da integratori e anabolizzanti, oggi ben un italiano su 3 (28%) sembra essere ossessionato dallo sport. Secondo gli esperti questo avviene perché, soprattutto a livello diletta