Il primo studio sul COVID-19 e l'esercizio fisico

Stralcio Locandina Studio
Autore: 
Redazione
Mercoledì, Maggio 27, 2020
Il lockdown ha cambiato l'approccio al fitness? E quali effetti ha avuto e avrà sulla salute della popolazione italiana? Uno studio avviato in marzo dall’associazione Polo della Salute, che si concluderà in autunno, risponderà a queste domande.

Il lungo periodo di inattività forzata durante il lockdown imposto dall’emergenza COVID-19 ha esposto le persone a ulteriori rischi per la salute, in particolar modo i soggetti che hanno maggiori possibilità di contrarre patologie croniche. Nonostante le innumerevoli iniziative che hanno consentito ai più di continuare a svolgere attività motoria in ambito domestico, la pressoché totale immobilità si è comunque trasformata in un problema per milioni di italiani.

Partendo da questi presupposti, l’associazione Polo della Salute www.polodellasalutemethod.it , impegnata nella valorizzazione dell’attività motoria per la prevenzione e la cura di patologie croniche, si è posta questa domanda: in quale stato di salute gli italiani escono  da questo periodo? Per fornire una risposta credibile, l'associazione ha impiegato il proprio il know how per realizzare il primo studio che analizza l’impatto della quarantena sulle abitudini e sulla salute degli italiani, intitolato “L’utilità dell’attività motoria condotta da remoto in tempi di emergenza sanitaria da Covid-19”.

La ricerca è iniziata in pieno lockdown, all'inizio di aprile, e si concluderà in autunno con la pubblicazione dei risultati. Terminata la fase preliminare di reclutamento del campione individuato su scala nazionale, raccolta e clusterizzazione dei dati, la fase operativa ha preso vita con il monitoraggio, eseguito, in remoto, da trainer specializzati che hanno prescritto programmi motori standardizzati, della durata di 5 settimane. Le osservazioni conclusive, frutto dell’analisi dei dati raccolti, costituiranno il nucleo di un originale progetto pilota al quale potrebbero far seguito ulteriori indagini scientifiche in questo specifico ambito.

Gerardo Ruberto, presidente di Polo della Salute Method, ha così commentato l'iniziativa: «Abbiamo iniziato la quarantena ascoltando gli italiani, anche tramite una serie di dirette sui social e monitorando alcuni dati, quindi abbiamo deciso di verificare il loro stato di salute attraverso uno studio osservazionale d'intervento. Un'indagine che solleva importanti riflessioni nell'ambito delle scienze motorie, della sociologia e della psicologia: siamo convinti che questa iniziativa costituisca un elemento d’innovazione nel campo della promozione dell’attività motoria, dei corretti stili di vita e delle scienze motorie».

 

Locandina studio

 

Flaminia Pastori, coordinatrice del comitato tecnico-scientifico del Polo della Salute, ideatrice e team-leader dello studio, ha così illustrato questo interessante progetto: «Il nostro metodo si basa sulla collaborazione sinergica tra medici e professionisti delle attività motorie, uniti per curare e prevenire le patologie croniche, e parte da un’attenta analisi del mercato e da una sperimentazione iniziata più di tre anni fa. Abbiamo pensato di poter offrire il nostro piccolo contributo alla conoscenza di questo nuovo virus sfruttando le nostre competenze, conducendo questo studio che, ne siamo convinti, fornirà dati fondamentali per impiegare l'attività motoria come farmaco naturale, da somministrare ad personam e tenendo in considerazione il contesto».

L’associazione Polo della Salute Method propone un approccio olistico alla prevenzione e alla cura delle patologie croniche. Dopo tre anni di sperimentazione, la sua équipe multidisciplinare, composta da medici specializzati e professionisti dell’attività motoria che insieme studiano programmi e metodi individualizzati, ha messo a punto un metodo per configurare un programma di salute personalizzato che tiene in considerazione l’andamento dell’eventuale patologia. In collaborazione con diverse istituzioni nazionali, sta inoltre formando, in tutta Italia, una rete di professionisti nella progettazione e attuazione di programmi di attività motorie finalizzate al raggiungimento, al recupero e al mantenimento, delle migliori condizioni di benessere psicofisico.

Per informazioni: www.polodellasalutemethod.it

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in