Kids Camp Challenge: la sfida dei bambini alle malattie e alla sedentarietà

Kids Camp Challenge: la sfida dei bambini alle malattie e alla sedentarietà big
A Middletown, nel Connecticut, è nato il Kids Camp Challenge, una versione del boot camp dedicata esclusivamente ai più piccoli

Negli Stati Uniti, le malattie cardiache, il diabete, gli ictus e altri disturbi legati all’eccessiva quantità di grassi nel sangue colpiscono in misura sempre maggiore anche bambini. La salute dei giovani e dei giovanissimi è un argomento delicato che si intreccia con un altro aspetto spinoso della nostra società: la sedentarietà. Negli ultimi anni si sono moltiplicate le iniziative per modificare le abitudini alimentari e lo stile di vita degli americani, alcune lanciate proprio dalle famiglie che si sono ritrovate a fronteggiare in prima persona questo problema.

A Middletown, nel Connecticut, è nato il Kids Camp Challenge, una versione del boot camp dedicata esclusivamente ai più piccoli, ideato e fortemente voluta da Jackie Totilo, la madre di una bambina affetta da una patologia genetica ereditaria che comporta un tasso di trigliceridi eccessivamente elevato. Insieme al marito ha incominciato a combattere la malattia della figlia sottoponendola a un regime alimentare sano e ricco di frutta e verdura, inducendola in un secondo tempo a svolgere attività fisica, ideando questo particolare programma.

Il Kids Camp Challenge, introdotto nel settembre del 2010, inizialmente prevedeva una sessione della durata di un’ora, svolta una volta alla settimana dopo la scuola. Sin dal’inizio ha ottenuto l’entusiastica adesione degli scolari della Lincroft Elementary School e nella primavera del 2012, grazie agli ottimi benefici prodotti da questa attività, la signora Totilo ha ottenuto una certificazione da istruttrice e ha lanciato ufficialmente il Kids Camp Challenge.

 

Oggi gli allenamenti si svolgono presso differenti istituti scolastici elementari nei quali i bambini, dai 5 ai 14 anni, lavorano a gruppi e per obiettivi prefissati. Il programma d’allenamento offre una vasta gamma di esercizi: corsa, salti, piegamenti e molte altre attività, in modo da rendere ogni sessione piacevole e divertente. Il programma è stato pensato per evitare la competizione e coinvolgere tutti i partecipanti, dai bambini leggermente in sovrappeso a quelli con maggiori difficoltà motorie, inducendoli in questo modo ad avvicinarsi all’attività fisica e a percepirla come qualcosa di piacevole e positivo e non come una spiacevole costrizione. Oltre allo svolgimento di questo allenamento, i bambini sono invitati a stilare un diario alimentare per un’intera giornata per indurli a essere maggiormente consapevoli di ciò che mangiano e in quale quantità.

I risultati di questo “addestramento militare infantile” emergono nel tempo e, cosa molto importante, sono percepiti dai partecipanti stessi che ammettono, con orgoglio, di ottenere un miglioramento delle proprie prestazioni fisiche e del benessere mentale.

Share

LEGGI ANCHE

Sito QRS - Qui Radio Salute

La prima web radio tv dedicata alla salute ha fatto il suo debutto il 4 febbraio scorso.

Chroma Yoga

Lo yoga, dopo aver recentemente sperimentato le alte e le basse temperature e visto nascere classi appositamente pensate per avvicinare il pubblico maschile, continua a evolversi: ora, per stimolare mente, corpo e sensi, punta sui colori.

Allenamento Victus Soul

L'effervescente mercato londinese dei piccoli studi specializzati, più noti come boutique, registra il debutto di un nuovo operatore: Victus Soul, che propone lezioni da 40 e 60 minuti, basate sui connubi HIIT e boxe e HI

pool running

La corsa scopre una nuova, inedita, versione acquatica: il pool running, particolarmente amato e diffuso nei paesi anglosassoni.

Convegno ANIF ForumClub 2018

In occasione del 20°  ForumClub, che si terrà nel Padiglione 19 della Fiera di Bologna e nell'attiguo Palazzo del Congressi, ANIF–Eurowel

Un recente studio ISTAT ha rivelato che 23 milioni e 85mila italiani non praticano sport e tantomeno attività fisica nel tempo libero. Nello specifico, è sedentario il 43,4% delle donne e il 34,8% degli uomini.