La foto di Auschwitz nella pubblicità di un centro fitness

La foto di Auschwitz nella pubblicità di un centro fitness big
l'indignazione del web contro una scelta pubblicitaria di cattivo gusto

Un piccolo fitness club di Dubai è salito agli onori delle cronache, si fa per dire, per aver avuto la bella idea di farsi pubblicità facendo riferimento all’Olocausto.

Lo spot “incriminato”, pubblicato sul web, abbinava lo slogan “Dai l’addio alle tue calorie” alla foto dei binari che conducono all’ingresso del campo di concentramento di Auschwitz. In poche ore la pubblicità a dir poco di cattivo gusto ha generato tantissimi contatti, scatenando l’indignazione degli internauti e una vera e propria bufera mediatica che ha costretto il club a fare marcia indietro rimuovendola.

La direzione del club ha cercato di giustificarsi affermando che “i lager non c’entrano, il messaggio che volevamo trasmettere è che il nostro centro fitness è un campo di concentramento per le calorie…”. Il responsabile della campagna, il trentaduenne britannico Phil Parkinson, si è quindi scusato pubblicamente su Facebook e su Twitter, promettendo di devolvere il guadagno ottenuto per questo lavoro in beneficenza.

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.