La promessa del Governo contro la sedentarietà

La promessa del Governo contro la sedentarietà big
Il sottosegretario Delrio ha recentemente annunciato l'iniziativa "Mille impianti sportivi in mille giorni" che, con il sostegno del Credito Sportivo, dovrebbe dare impulso alla realizzazione di strutture dedicate allo sport, in special modo al Sud

In occasione del recente convegno tenutosi al CONI e intitolato Investimento nello sport, investimento anticiclico, Graziano Delrio, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Coesione territoriale e allo Sport, ha annunciato l’iniziativa Mille impianti sportivi in mille giorni e l’imminente presentazione della stessa con il premier Renzi.

«Abbiamo bisogno dell’imprenditoria privata, dei fondi per lo sviluppo europeo, e soprattutto – ha sottolineato Delrio – del credito sportivo: abbiamo bisogno di impianti sportivi, in particolare al Sud dove è ben noto che ce ne sono meno».
Al convegno è intervenuto anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha ricordato che «al primo posto tra i fattori che influenzano la predisposizione ad ammalarsi c’è il fumo, al secondo l’alcool, al terzo l’alimentazione e al quarto lo stile di vita sedentario. Per questo motivo – ha detto con convinzione – lo sport è uno dei fattori principali della prevenzione».

Anche Giovanni Malagò, presidente del Coni, ha espresso il suo parere su questo scottante argomento: «Chi è sovrappeso da ragazzino lo sarà probabilmente da adulto. I costi per curare il solo diabete di tipo 2 corrispondono a circa dieci miliardi di euro all’anno, poco meno del 10 per cento della spesa sanitaria complessiva. Noi come Coni potremmo chiamarci fuori da questo problema, perché non è scritto nel nostro statuto, ma non possiamo farlo e dobbiamo continuare a collaborare con tutti nel lanciare l’allarme sulla sedentarietà».

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’