L'Europa dei club low cost

L’Europa dei club low cost big
Continua la nostra indagine nel mercato del fitness a basso costo

di davide venturi

Negli ultimi cinque anni, il numero di club low cost presenti nel Regno Unito è cresciuto significativamente. L’ultima arrivata è la catena easyGym, concepita dal fondatore di easyJet, Sir Stelios Haji-Ioannou, pronta a fare il suo debutto proprio quest’anno in seguito all’accordo raggiunto con Virgin Active. Ai primi due club, in fase di apertura a Slough, nel Berkshire, e a Londra, dovrebbero presto seguirne altri. I piani di sviluppo del neonato marchio aspirano ad aprire 10 club all’anno a partire dal 2012.

The Gym Group, che ha fatto il suo debutto nel 2008, è numericamente il primo operatore low cost del Regno Unito con 17 club, seguito da Pure Gym (nato nel 2009) con 14, Fit4Less con 11 e Fitness4Less con 7. FitSpace, lanciata nel 2006, è stata una delle prime realtà di questo tipo e attualmente ha 8 club, mentre Trugym ed Xsercise4Less, rispettivamente comparse nel 2010 e nel 2009, sono le più piccole con soli 2 club.

Anche l’azienda non-profit che opera nel settore del tempo libero Kirklees Active Leisure (KAL) aprirà due budget gym, o club low cost che dir si voglia, nell’area di Huddersfield e di Dewsbury. KAL gestisce già 11 centri sportivi e varie piscine, ma aspira a diventare il leader della regione nell’offerta di sport e fitness. Gli abbonamenti dei due nuovi club veranno proposti a un prezzo che si aggira intorno alle 15 sterline al mese. Un altro club di questo tipo sta per aprire nella città di Swansea. Simply Gym, pubblicizzato come “il primo club davvero serio della città”, offre attrezzature cardio e isotoniche, un’area riservata alle donne e attrezzi per disabili.

Il mercato low cost si muove anche in Spagna e alcuni importanti operatiori stanno sperimentando “soluzioni a basso prezzo” per fronteggiare quella che viene percepita come una minaccia incombente. L’operatore catalano DiR sta proponendo una tariffa low-cost che oscilla tra i 20 e i 35 euro al mese e dà accesso alle stesse aree di tutti i suoi club e consente di fruire degi stessi servizi fruibili con l’abbonamnto a prezzo pieno (docce, assistenza di personale qualificato, programmi personalizzati) ma solo in certi orari, ovvero nelle fasce 12-13, 14.45-16, 21.15-22.15). Fresh Fitness ha aperto i suoi primi due club a Copenhagen, in Danimarca. Questo nuovo concept è frutto della joint venture tra i marchi Just Fitness e Sats, leader nel mercato nordico.

 

Leggi anche: Fitness low cost, un mercato in crescita

Share

LEGGI ANCHE

Che l'attività fisica faccia bene alla salute è un fatto ormai noto, ma ora sappiamo anche quanto, di preciso, muoversi allunghi la vita.

Smartphone in palestra

Urban Sports Club, l’applicazione ch

Cardiofitness in palestra

Un recente studio coordinato dal professor Zhen Yan della Facoltà di Medicina dell’Università della Virginia ha evidenziato che svolgere esercizio fisico con regolarità può ridurre il rischio di soffrire della sindrome da distress respiratorio, u

Esterno club Planet Fitness

Anche il mercato del fitness statunitensi è alle prese con le grandi difficoltà generate dall’emergenza Coronavirus, in virtù della quale molti club sono ancora chiusi.

Fitness digitale

Il lockdown ha imposto un’evidente accelerazione alla trasformazione digitale anche nel settore fitness.

Insegna Gold's Gym

Gold's Gym ha recentemente annunciato il lancio di un nuovo modello di business che va ad ampliare e diversificare la sua offerta in franchising e rende il noto marchio ancor più attrattivo, raggiungendo il target dei potenzia