Lo sport entra nella scuola

Lo sport entra nella scuola big
La gestione delle palestre degli istituti superiori di Brescia passa al Centro Sportivo San Filippo SpA

Le palestre delle scuole superiori di Brescia sono in procinto di vivere una piccola rivoluzione. Grazie all’accordo tra la Provincia e il Comune della città lombarda, 22 palestre provinciali pertinenziali agli istituti superiori di secondo grado verranno gestite dalla società Centro Sportivo San Filippo SpA, azienda di proprietà dello stesso Comune bresciano – che detiene l’intero pacchetto azionario – impegnata nella realizzazione di impianti sportivi e nella promozione, senza scopo di lucro, di ogni attività volta a promuovere, in modo educativo, lo sport.

L’accordo, siglato dopo quasi sei mesi di trattative tra gli enti interessati, risolve un’anomalia che riguardava le palestre degli istituti scolastici cittadini che, diversamente da quanto avviene in tutti gli altri comuni del territorio, erano di pertinenza della Provincia e non del Comune.

Ora, grazie al versamento di 130mila euro annuali all’ente provinciale, il Comune bresciano si è assicurato l’affitto degli impianti la cui gestione è affidata alla società San Filippo. «Questa operazione – ha spiegato Massimo Bianchini, assessore allo sport del Comune di Brescia –raddoppia il numero di impianti a disposizione delle società sportive bresciane, risolvendo di fatto un problema di “saturazione”». In orario extrascolastico tali strutture verranno infatti messe a disposizione delle società sportive professionistiche e amatoriali bresciane, massimizzandone in questo modo l’efficienza.

Dei 130mila euro versati annualmente alla Provincia, 40mila copriranno il canone di locazione, mentre i restanti 90mila verranno utilizzati per apportare migliorie alle palestre, a vantaggio sia delle società sportive sia delle scuole. «Ora – ha concluso Bianchini – abbiamo a disposizione un patrimonio immenso, che consente allo sport bresciano di fare un salto di qualità».

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.