NIA, il nuovo metodo di allenamento che brucia calorie allontanando lo stress

Autore: 
Redazione
Venerdì, Luglio 28, 2017
Basato su alcuni movimenti a piedi nudi dei Tai Chi, dell’Aikido e del Taekwondo, su ritmi tribali e sulla musica jazz, nonché sulla spiritualità dello yoga, il Neuromuscolar Integrative Action, è un allenamento liberatorio, novità del 2017.

E’ la grazia della danza, la spiritualità dello yoga e la potenza delle arti marziali. E’ il NIA, il Neuromuscolar Integrative Action, disciplina nata negli Stati Uniti e divenuta velocemente celebre anche oltreoceano per via della sua capacità di allenare e al contempo rilassare, di combattere sia contro lo stress, sia contro l’aumento di peso. Training che unisce tre discipline diverse, cioè la danza, lo yoga, e le arti marziali, il Nia non è solo una pratica curiosa e divertente, una mescolanza che ha il sapore dell’oriente e dell’occidente. Basata su alcuni movimenti a piedi nudi dei Tai Chi, dell’Aikido e del Taekwondo, su ritmi tribali e sulla musica jazz, il Neuromuscolar Integrative Action, infatti, è letteralmente liberatorio.

 

 

Inventato nel 1983, per merito dei coniugi Statunitensi Rosas, il Nia combina movimenti che permettono all’energia di fluire, ai passi di divenire naturali, mette a proprio agio, e unisce un approccio olistico interdisciplinare alla musica e allo yoga, per aiutare la concentrazione. Unico requisito, insomma, è la regolarità: per raggiungere la giusta dimestichezza necessaria a padroneggiare gli esercizi, infatti, il Nia richiede di essere praticato con costanza.

Ma già dopo le prime sessioni arrivano i benefici. L’aspetto aerobico del training, infatti, consente di bruciare calorie e potenziare il sistema cardiovascolare. Poi c’è la postura: yoga, danza e arti marziali, infatti, lavorano molto sulla forma, e consentono di migliorare il portamento e l’elasticità muscolare, con effetti sia sul corpo, sia sulla mente.

 

 

Guarda il video di una lezione di NIA by Blissfully Dancing:

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in