Regno Unito: nuova chiusura di fitness club, centri sportivi e piscine

Londra
Autore: 
A cura della redazionew
Venerdì, Ottobre 30, 2020
Nonostante le recenti rassicurazioni del Governo britannico in risposta alla petizione lanciata dagli operatori del settore, dal 5 novembre fino ad almeno il 2 dicembre le strutture adibite allo sport e al fitness, indoor e outdoor, resteranno chiuse a causa del nuovo lockdown.

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito. Lo aveva recentemente assicurato il Dipartimento per il Digitale, la cultura, i media e lo sport in risposta a una petizione lanciata ad agosto dagli operatori che chiedevano alle istituzioni che i fitness-wellness club – diversamente da quanto stabilito dagli esecutivi di Francia, Italia e Germania - rimanessero aperti anche in caso di una risalita dei contagi. Il peggioramento della situzione sanitaria si è purtroppo verificato e il Governo ha imposto un nuovo lockdown, dal 5 novembre fino ad almeno il 2 dicembre.

La petizione chiedeva innanzitutto la conferma che i fitness club non sarebbero stati automaticamente chiusi nell'ambito di eventuali nuove misure anti-Covid. In secondo luogo, chiedeva che non venissero inseriti, in termini di rischio, nello stesso gruppo dei pub. Creata ad agosto, prima dell'annuncio da parte del Governo d'Oltremanica del nuovo sistema di allarme a tre livelli, la petizione è diventata virale, raccogliendo in breve tempo più di 380.000 firme. Il Parlamento britannico (che è tenuto a considerare tutte le petizioni che ottengono più di 100.000 firme) aveva pubblicato la sua risposta il 28 ottobre, tramite il Dipartimento capitanato da Oliver Dowden, rassicurando, con oltre 500 parole, gli operatori di centri sportivi, poiscine e palestre sul fatto che queste strutture non sarebbero state automaticamente incluse nelle attività da fermare in caso di lockdown. In particolare, il Dipartimento aveva affermato che "lo sport e l'attività fisica sono incredibilmente importanti per la nostra salute fisica e mentale e sono un'arma vitale contro il Coronavirus. Ecco perché ci siamo assicurati che le persone potessero fare esercizio, almeno una volta al giorno, anche durante il massimo lockdown, e perché abbiamo aperto le strutture sportive e ricreative di base non appena fosse sicuro farlo”. Il Governo Johnson ha recentemente svelato l’ultima versione del piano di controllo della pandemia da Coronavirus che sta funestando il Regno Unito con picchi di contagio altissimi. Il sistema prevede tre livelli di allerta, a cui corrispondono regole sempre più stringenti per quanro attiene a mobilità e distanziamento sociale, fino ad arrivare ad un vero e proprio lockdown locale.

 

Share

LEGGI ANCHE

Lezione di yoga in palestra

Agli effettui negativi della pandemia sulla salute fisica e sull’economia si sommano quelli sulla salute psicologica, minacciata dalla costante paura del contagio e delle difficoltà create dall’emergenza e dall’incertezza diffusa dalla grave cris

Locandina  ELAV Sport Science Day

L’edizione primaverile dello storico evento ELAV Sport Science Day si terrà il prossimo 15 maggio in versione digitale, in diretta online tramite piattaforma Zoom e la partecipazione sarà gratuita

Gold’s Gym Campus Europe

Dopo aver rilevato Gold’s Gym circa un anno fa, RSG Group, proprietario del gigante McFIT e di altri 15 marchi, sta riportando questo storico e celebre marchio del fitness, nato a Venice Beach nel 1965, alle sue origini, rivolgendosi anche agli a

Outdoor training

L’esercizio fisico svolto all’aperto, universalmente noto come outdoor training, è una tendenza in costante crescita e l’emergenza pandemia ne ha accelerato lo sviluppo, favorendo la nascita di nuove opportunità di business.

Giampaolo Duregon

Come ogni 4 anni, lo scorso 15 aprile si sono svolte le

Diretta web McFIT, Virgin Active, Fit Express, Orange Palestre

In occasione della Giornata Mondiale della Salute, celebrata lo scorso 7 aprile, le catene McFIT, Virgin Active, Fit Express e Orange Palestre (membri di Fit.Comm