Sprint Interval Training, bastano 10 minuti al giorno per rimettersi in forma

Sprint Interval Training
Autore: 
Redazione
Venerdì, Ottobre 20, 2017
Breve, ma ad alta intensità. E in dieci minuti al giorno si ottengono gli stessi benefici di 50 minuti di fitness moderato. E’ lo Sprint Interval Training, un nuovo tipo di allenamento pensato per conciliare il bisogno fisico di attività motoria regolare con gli impegni pressanti della vita quotidiana.

Breve, ma ad alta intensità. E in dieci minuti al giorno si ottengono gli stessi benefici di 50 minuti di fitness moderato. E’ lo Sprint Interval Training, un nuovo tipo di allenamento pensato per conciliare il bisogno fisico di attività motoria regolare con gli impegni pressanti della vita quotidiana. Lo strumento alla base del Sit è la cyclette, un attrezzo completo – dicono gli esperti – per tenersi o per rimettersi in forma, tanto che dieci minuti di pedalate a ritmo sostenuto, secondo i ricercatori della McMaster University, in Canada, autori di un esperimento pubblicato su Plos One, comportano importanti benefici per tutti, dagli atleti ai sedentari.

             

Sprint Interval Training

             

In particolare, i ricercatori della McMaster hanno confrontato gli allenamenti condotti sulla cyclette di due gruppi di persone sedentarie: il primo gruppo ha provato il Sit, una serie di scatti sprint su due ruote, cioè, intervallati da brevi pause di recupero, per un totale di tempo dedicato al training pari a 10 minuti. Il secondo gruppo, invece, è stato sottoposto a un più tradizionale allenamento di resistenza da cinquanta minuti, con sforzo moderato ma costante.

Tre mesi più tardi, i ricercatori hanno elaborato i dati dell’esperimento, e il risultato non lascia dubbi. “Chi ha seguito l’allenamento Sit – spiega al quotidiano La Repubblica Martin Gibala, direttore dell’indagine - ha raggiunto gli stessi livelli di efficienza cardiorespiratoria e sensibilità all’insulina di chi invece ha svolto l’allenamento di tipo tradizionale”. Il tutto dedicando al training un quinto del tempo, e un quinto della fatica richiesta per arrivare al termine di un allenamento da 50 minuti.

Ovviamente, precisano gli esperti, per un allenamento full body la cyclette non basta: mancano ad esempio gli esercizi per i muscoli addominali, per la schiena, o ancora per le braccia, tanto per fare qualche esempio. Tuttavia, almeno per quanto riguarda i sedentari, i risultati dello studio sono chiari: 10 minuti al giorno, e anche il più pigro tra i pantofolai può rimettersi in forma. E sentirsi meglio.

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in