Torino: il consorzio dei centri fitness storici per distinguersi dai centri low cost

Sandro Guana
Autore: 
Redazione
Venerdì, Maggio 18, 2018
Venti prestigiosi centri fitness del capoluogo piemontese si sono uniti nel consorzio "Fitness Torino" per mettere in evidenza la loro storia e la qualità dei loro servizi. Il 23 giugno verrà presentata questa innovativa iniziativa con un evento che trasformerà il capoluogo piemontese in una sconfinata palestra a cielo aperto

Per rispondere all'offerta dei centri fitness low cost, che propongono abbonamenti a prezzi stracciati, 20 storici fitness club di Torino hanno deciso di fare quadrato creando il consorzio "Fitness Torino", il cui fine è mettere in evidenza la loro storia nel settore e la qualità dei loro servizi.

Questa innovativa presa di posizione verrà presentata ufficialmente il prossimo 23 giugno con un evento che trasformerà il capoluogo piemontese, da piazza San Carlo a Piazza Castello, in una sconfinata palestra a cielo aperto che consentirà a tutti, nessuno escluso, di partecipare a lezioni gratuite di numerose discipline.

È stato Sandro Guala (nella foto), titolare della storica palestra Gymnica, operativa dal 1984 in via Governolo, e presidente del neonato consorzio, ad avere l'idea di riunire quelli che potrebbero essere definiti gli "artigiani torinesi del fitness".  Il neonato consorzio intende rispondere ai centri low cost puntando sulla qualità: «L'obiettivo del consorzio - ha detto Guala in una recente intervista rilasciata a La Repubblica - è identificare i requisiti dell'istruttore di categoria 'A' e tutti i titolari dei club aderenti hanno manifestato le prorie idee, ad esempio ritenendo indispensabile il diploma di Scienze motorie o un'esperienza pluriennale. Il consorzio intende offrire alla clientela un istruttore realmente valido e un prodotto altamente qualificato».


Il consorzio riunisce i seguenti centri fitness torinesi:

  • BFC - Bodyline Fitness Club
  • European
  • First Evolution
  • Forma & Benessere
  • Gymnica
  • H360
  • I-fit
  • Il Mondo
  • Infitness
  • John Fitness
  • Olympic
  • Palestra Azzurra
  • Palestre Torino
  • Ronchiverdi
  • Royal
  • Santamonica
  • Sport Town
  • Squash Point
  • Stella Polare

 

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’